26 Settembre 2022
Emirati Arabi Uniti sono insicuri.

Il portavoce delle Forze armate yemenite, il generale di brigata Yahya Sari’, ha consigliato alle società straniere di lasciare gli Emirati Arabi Uniti. Egli ha affermato che gli Emirati Arabi Uniti sono insicuri finché i suoi governanti continueranno l’aggressione militare contro lo Yemen.

Il generale di brigata Sari’, in una dichiarazione rilasciata venerdì, ha raccomandato alle società straniere di lasciare gli Emirati Arabi Uniti. Egli ha detto: “Dopo le catastrofi odierne, commesse dall’aviazione della coalizione saudita-americana-emiratina contro la nostra amata nazione, consigliamo alle società straniere negli Emirati Arabi Uniti di lasciare quel Paese”.

Sari’ ha etichettato gli Emirati Arabi Uniti come insicuri fintanto che i suoi governanti continueranno l’aggressione militare contro lo Yemen. Ha altresì sottolineato che le società straniere hanno investito in un piccolo paese insicuro.

Gli aerei da guerra della coalizione militare a guida saudita hanno colpito un centro di detenzione a Saada nelle prime ore di venerdì. Hanno ucciso almeno 70 persone e feritone altre 140. I rapporti affermano che il bilancio delle vittime è destinato a salire, poiché molti dei feriti sono gravi.

Le reazioni

Venerdì sera, il portavoce del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, Stephane Dujarric, ha riportato la condanna del segretario generale delle Nazioni Unite. Egli ha condannato “gli attacchi aerei lanciati oggi dalla coalizione a guida saudita contro un centro di detenzione nella città di Saada”.

In precedenza, il capo del Comitato rivoluzionario supremo dello Yemen, Mohammad Ali al-Houthi, aveva scritto un tweet al riguardo. “Se gli Stati Uniti sconfitti in Afghanistan supportano la coalizione di aggressione saudita, dichiariamo esplicitamente alla coalizione che la loro sconfitta nello Yemen sarà più pesante della sconfitta degli americani in Afghanistan”.

Un alto funzionario del popolare movimento di resistenza Ansarullah dello Yemen ha affermato che gli Emirati Arabi Uniti dovrebbero prepararsi ad attacchi di rappresaglia più dolorosi da parte delle forze armate yemenite e dei loro alleati. Questo qualora Abu Dhabi non ponga fine al suo coinvolgimento nell’atroce aggressione militare contro il paese arabo martoriato dal conflitto.

“Gli Emirati Arabi Uniti dovranno aspettarsi attacchi più dolorosi, se non smettono di attaccare lo Yemen”, ha detto lunedì alla rete televisiva Al Jazeera del Qatar Mohammed al-Bukhaiti, membro dell’ufficio politico di Ansarullah.

L’Arabia Saudita, a capo di una coalizione araba sostenuta dagli Stati Uniti, ha lanciato un’aggressione militare contro lo Yemen il 26 marzo 2015. Inoltre ha imposto un blocco terrestre, aereo e marittimo, sostenendo che stava cercando di riportare al potere il presidente yemenita dimessosi.

Fonte: https://english.alahednews.com.lb/63729/524

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.