7 Ottobre 2022
Stati Uniti impediscono al Libano di accettare l'offerta russa.

Sayyed Nasrallah: gli Stati Uniti impediscono al Libano di accettare l’offerta russa, fidarsi degli Stati Uniti una follia

Da al-Ahed news

Martedì, il segretario generale di Hezbollah, Sua Eminenza Sayyed Hassan Nasrallah, ha pronunciato un discorso in cui ha affrontato varie questioni.

Rivolgendosi a migliaia di sostenitori della Resistenza che celebravano la “Giornata degli invalidi della Resistenza”, che cade nell’anniversario della nascita di Abul Fadl al-Abbas, il fratello del terzo imam sciita Husseyn bin Ali [AS], Sayyed Nasrallah si è congratulato con i musulmani per le fauste occasioni che cadono nel mese islamico di Sha’ban.

Sua Eminenza si è congratulato con gli invalidi della Resistenza per la giornata a loro dedicata: “È un giorno per tutti gli uomini e le donne invalidi della Resistenza islamica, per tutti coloro che si sono sacrificati e sono rimasti pazienti, tra cui il leader invalido, l’Imam Sayyed Ali Khamenei”.

“Oggi vi celebriamo per esprimere quanto siamo orgogliosi di voi, della vostra lotta, dei sacrifici, della pazienza, della fermezza e per riconoscere ciò. Celebriamo oggi tutte le benedizioni della sicurezza e della protezione grazie ai vostri sacrifici”, ha aggiunto.

Agli invalidi, il leader della Resistenza ha detto: “Avete scelto questa strada ed eravate presenti nelle battaglie del jihad e della resistenza; avete difeso questa nazione, la sua sicurezza e stabilità e avete ottenuto la vittoria”.

“Abbas [AS] è il patrono che è rimasto nonostante le sue ferite; siete come lui, ci avete difeso e avete tenuto lo stendardo che grazie a voi è rimasto innalzato”, ha detto agli invalidi, aggiungendo: “Voi siete i veri testimoni dei sacrifici e delle vittorie della Resistenza islamica da quattro decenni”.

Parallelamente, Sayyed Nasrallah ha osservato che “discernimento è sapere cosa sta succedendo nel tuo Paese, nella tua regione e cosa sta avvenendo intorno; è conoscere il tuo nemico, le minacce e le opportunità che ti si presentano, e rimanere saldo”.

Riguardo alla crisi ucraina, il segretario generale di Hezbollah ha sottolineato che “gli sviluppi in corso in Ucraina sono fondamentali a livello di trarre delle lezioni”.

“Gli Stati Uniti minacciano la Russia di non commettere crimini contro i civili, ma dimenticano gli atroci crimini commessi contro i civili in tutte le loro guerre”, ha evidenziato, sottolineando: “Gli Stati Uniti hanno commesso crimini dal Giappone alla Somalia, all’Iraq, all’Afghanistan, alla Siria, oltre ai crimini dei sionisti a Gaza contro i palestinesi e l’aggressione saudita-americana contro il popolo yemenita”.

A questo punto, Sua Eminenza ha ricordato: “Gli aerei da guerra statunitensi hanno bombardato a lungo i matrimoni afgani trasformandoli in funerali”.

“Migliaia di processi per gli eserciti americano ed europeo dovrebbero essere tenuti per i crimini commessi in Algeria e Libia, tra gli altri Paesi”, ha sottolineato Sayyed Nasrallah, chiedendosi: “E i massacri dell’aggressione saudita-americana nello Yemen? E l’assedio dello Yemen? Che dire dei massacri dei sionisti in Palestina e dei crimini di guerra di “Israele”? E l’assedio di Gaza?”.

“Abbiamo tutti visto come gli Stati Uniti sono fuggiti dall’Afghanistan abbandonando coloro che lì si fidavano”, ha spiegato in dettaglio.

Denunciando l’ultimo attentato terroristico che ha preso di mira i civili in una moschea pakistana, Sua Eminenza ha sottolineato: “Gli attentatori suicidi takfiri che si sono fatti esplodere a Peshawar sono i servitori del complotto degli Stati Uniti e sono i prodotti degli Stati Uniti”.

Sayyed Nasrallah ha continuato rinfacciando gli strumenti statunitensi: “Coloro che sono classificati come appartenenti all'”uomo bianco” sono strumenti degli Stati Uniti; di giorno in giorno ci sono prove che fidarsi degli Stati Uniti è follia e ignoranza”.

Sugli ultimi eventi in Ucraina, Sua Eminenza ha osservato: “Molti Paesi europei, inclusa la Germania, non volevano che le cose in Ucraina raggiungessero questo livello. Tuttavia, gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno spinto l’Ucraina alla guerra”.

“Washington afferma quotidianamente che invia aerei e soldati americani in Ucraina”, ha aggiunto, affermando che “fidarsi degli americani è stupidità, follia e ignoranza”.

Lamentando il fatto che “gli ucraini sono stati delusi da coloro su cui contavano e hanno iniziato ad annunciare la loro disponibilità a fare concessioni”, Sayyed Nasrallah spiega che “i funzionari ucraini si sentono abbandonati e delusi e il presidente Zelensky è pronto a discutere le richieste di Mosca”.

“Il trattamento riservato ai rifugiati mette in luce la discriminazione basata su religione, razza e colore; è questa la civiltà occidentale?” ha chiesto.

Passando al fronte interno libanese, il segretario generale di Hezbollah ha ribadito: “Sottomettersi ai diktat statunitensi non salverà il Libano, bensì aumenterà i suoi problemi. Le richieste degli Stati Uniti sono illimitate; cosa otterranno i funzionari in cambio della loro sottomissione?”.

Su questo piano Sayyed Nasrallah ha sottolineato che “il Libano ha votato contro la Russia all’ONU, anche se avrebbe potuto scegliere di astenersi. L’Ambasciata statunitense ha chiesto che la dichiarazione del Ministero degli Esteri libanese su Russia e Ucraina fosse più severa e questa dichiarazione è stata scritta presso l’Ambasciata americana”.

Ai libanesi che sostengono gli Stati Uniti in Libano, Sua Eminenza ha chiesto: “Se Hezbollah avesse diretto la decisione dello Stato libanese, avreste votato per gli Stati Uniti?”.

“Al Libano si chiede di dire “NO” all’americano; i libanesi non sono schiavi degli Stati Uniti e questo è ciò che implica la sovranità”, ha spiegato, osservando che “quando si tratta degli Stati Uniti, alcune parti parlano di neutralità e il non allineamento scompare”.

Secondo il leader della Resistenza: “Tutto quello che abbiamo sentito sulla neutralità era un mero pretesto per evitare responsabilità riguardo alla causa palestinese e alle guerre in Siria e Yemen”.

Inoltre, ha criticato il fatto che “alcune forze politiche non hanno alcun programma elettorale oltre al mentire sul predominio di Hezbollah”.

A queste, il Leader della Resistenza ha sottolineato: “Alcune forze politiche non hanno alcun programma elettorale oltre al mentire sul predominio di Hezbollah. Lasciate che ci dicano cosa hanno offerto loro gli Stati Uniti”.

Sayyed Nasrallah ha anche rivolto un appello a salvare tutti i cittadini libanesi bloccati in Ucraina e a prendersi cura di coloro che sono riusciti a fuggire, fino al loro arrivo in Libano.

Riferendosi a un’altra questione, Sayyed Nasrallah ha svelato che “una compagnia russa ha offerto la costruzione di una raffineria di petrolio in Libano con finanziamenti russi e disponibilità a fornire al Libano tutti i suoi bisogni di derivati ​​del petrolio; sottolineando che può venderlo con la valuta libanese, ma non ha ancora ricevuto una risposta”.

Inoltre, Sua Eminenza ha svelato: “Un anno e mezzo fa, una compagnia russa si è offerta di aprire una raffineria di petrolio, dal costo di un miliardo e 200 milioni o 2 miliardi di dollari. Il petrolio greggio sarà raffinato in derivati ​​petroliferi libanesi”.

“I funzionari libanesi hanno ottenuto [qualcosa] dagli americani che offrono solo false promesse? Fino a questo momento, il Dipartimento di Stato americano non ha fornito a Egitto e Giordania documenti che li esentano dal Caesar Act. L’azienda si è offerta di raffinare 160.000 barili di petrolio, o 200.000 barili, attraverso la grande raffineria. Questo coprirebbe il bisogno libanese. Il Libano esporterebbe derivati ​​del petrolio e la compagnia venderebbe allo Stato in sterline libanesi”, ha detto.

Ha anche sottolineato: “Gli americani impediscono al Libano di accettare l’offerta russa senza presentare un’alternativa. Se Hezbollah avesse avuto il controllo sulle decisioni dello Stato libanese, la proposta russa sarebbe stata accettata un anno e mezzo fa”.

Secondo Sua Eminenza: “Tutto quello che dice l’americano è una bugia e un inganno. Il Libano dovrebbe dire agli americani che i libanesi non sono i loro schiavi e questo è ciò che richiede la sovranità”.

“Le osservazioni sulla neutralità sono una scusa per eludere le responsabilità riguardo alla causa palestinese e alle guerre in Siria e Yemen”, ha detto, sottolineando che: “Alcuni funzionari libanesi danno per scontato che gli americani vogliano una certa cosa. Pertanto, la implementano anche senza che gli venga chiesto di farlo”.

Sollecitando che “lo stato libanese pratichi un livello minimo di libertà, indipendenza e patriottismo, oltre a pensare all’interesse del paese”, Sayyed Nasrallah si è chiesto: “Che cosa hanno ottenuto i funzionari libanesi dagli americani che stanno solo offrendo false promesse?”.

“Sottomettendosi ai dettami americani con questa mentalità, questo Paese diventerà sempre più povero e impoverito. Andremo incontro ad altri disastri e calamità”, ha sottolineato.

Fonte: https://english.alahednews.com.lb/64407/385


[ Stati Uniti impediscono al Libano di accettare l’offerta russa ]

[ Stati Uniti impediscono al Libano di accettare l’offerta russa ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.