7 Ottobre 2022

In occasione del Nowruz, il Capodanno persiano, lunedì 21 marzo 2022, l’Imam Khamenei ha tenuto un discorso televisivo in diretta. Durante il suo intervento, oltre a parlare in dettaglio del Nowruz, del motto dell’anno e dell’importanza della produzione nazionale nel risolvere i problemi economici del Paese, ha descritto l’epoca contemporanea come “uno dei periodi più palesemente vergognosi della storia attuale in termini di oppressione”.

L’Imam Khamenei ha spiegato che la fusione del Nowruz, o Capodanno persiano, con suppliche religiose e questioni spirituali è una delle caratteristiche uniche del Nowruz iraniano. Egli ha detto: “La primavera è una manifestazione di speranza e porta un messaggio di freschezza e di nuova crescita. Questa speranza è ancora più intensa quest’anno poiché coincide con il 15 di Sha’ban, che è l’anniversario della nascita della più grande fonte di speranza nella storia dell’umanità [l’Imam Mahdi – A]. Chi parla e scrive per la gente, o chi manda messaggi, dovrebbe aumentare il più possibile la speranza della gente, perché la speranza è un fattore importante per il progresso”.

Parlando del motivo per cui ha scelto motti economici nell’ultimo decennio e anche per l’anno 1401 dell’egira solare, ha affermato: “Il motivo per cui è stato scelto un titolo e un motto economico per quest’anno risiede nell’importanza fondamentale della questione dell’economia e anche per le sfide economiche dell’ultimo decennio. Risolvere queste sfide richiede pianificazione, azione e muoversi nella giusta direzione”.

Egli ha sottolineato che la questione principale per i funzionari del ramo esecutivo e per coloro che sono coinvolti nella gestione del Paese è l’economia. Egli ha aggiunto: “Naturalmente, si possono vedere nuovi approcci utilizzati dalle persone. Se questi approcci verranno portati avanti correttamente, ciò sarà incoraggiante”.

L’Imam Khamenei ha sottolineato che l’unico modo per raggiungere la crescita economica è muoversi verso un’economia basata sulla conoscenza “Per un’economia basata sulla conoscenza, intendo adottare un approccio scientifico e tecnologico in tutti i campi. Il risultato di ciò sarà una riduzione dei costi di produzione, un aumento dell’efficienza, un miglioramento della qualità dei prodotti, merci e prodotti che diventeranno competitivi sui mercati globali e una riduzione del prezzo finale dei prodotti all’interno del Paese”.

Il Leader della Rivoluzione islamica ha sottolineato che il raggiungimento di un giusto progresso nell’economia e la soluzione del problema della povertà sono possibili solo rafforzando la produzione basata sulla conoscenza. “Il numero di aziende basate sulla conoscenza dovrebbe aumentare, e questo può essere fatto ed è possibile”.

Indicando l’esistenza di 6.700 società basate sulla conoscenza nel Paese, ha affermato: “Nel nuovo anno, le società basate sulla conoscenza dovrebbero raddoppiare di numero per soddisfare le esigenze del Paese. Ma questo non dovrebbe indurre alcune persone a creare società che non sono realmente basate sulla conoscenza e si avvalgono solo di questo titolo”.

Altrove nelle sue dichiarazioni, l’Imam Khamenei ha fatto riferimento ai numerosi sviluppi globali che si stanno svolgendo attualmente e ha affermato: “Quando si osservano gli attuali sviluppi nel mondo, la legittimità e la correttezza della nazione iraniana nel suo confronto con il fronte dell’arroganza diventano più chiare che mai”.

Il Leader della Rivoluzione islamica ha affermato che nell’affrontare il fronte dell’arroganza, la nazione iraniana ha scelto la resistenza, il rifiuto di arrendersi e diventare dipendenti, il mantenimento dell’indipendenza e il rafforzamento interno della Repubblica islamica e del Paese. Egli ha spiegato che: “Queste decisioni sono state prese a livello nazionale e sono corrette”.

Egli ha anche fatto riferimento alla situazione attuale nell’oppresso Paese musulmano dell’Afghanistan e al modo in cui gli americani hanno lasciato quel Paese dopo vent’anni. Egli ha affermato: “Gli sviluppi in Ucraina sono un altro esempio. Il presidente di quel Paese, che è stato insediato dall’Occidente, usa un tono duro quando si rivolge all’Occidente”.

L’Imam Khamenei ha anche trattato la questione dello Yemen e dei bombardamenti del popolo resiliente di quel Paese che si stanno verificando ogni giorno. Egli ha anche parlato della decapitazione di 80 giovani uomini e adolescenti in Arabia Saudita e ha affermato: “Tutti questi problemi mostrano le tenebre che hanno avviluppato il mondo e rivelano i veri colori dei lupi assetati di sangue che tengono il mondo nelle loro mani”.

L’Imam Khamenei ha sottolineato che gli eventi in Ucraina mostrano l’esistenza del razzismo in Occidente. Egli ha affermato: “Separare i neri dai bianchi e farli scendere dai treni (dei rifugiati) o esprimere rammarico nei loro media per il fatto che la guerra si sta svolgendo in Europa invece che in Medio Oriente sono esempi dell’evidente razzismo dell’Occidente”.

Il Leader della Rivoluzione islamica ha anche sottolineato il dualismo del mondo occidentale nell’affrontare l’oppressione nei diversi Paesi: “Se l’oppressione ha luogo in Paesi a loro obbedienti, non mostrano alcuna reazione. Nonostante tutta questa crudeltà e oppressione, affermano di essere difensori dei diritti umani. Usando questa falsa affermazione, intimidiscono i Paesi indipendenti”.

“Oggi è uno dei periodi più palesemente vergognosi della storia contemporanea in termini di oppressione e arroganza. Le persone del mondo sono direttamente testimoni di questi atti di oppressione e dualismo”.

Nel suo discorso dello scorso anno, l’Imam Khamenei aveva sottolineato che l’economia del Paese non dovrebbe essere vincolata alle sanzioni statunitensi. Ponendo l’accento sulla necessità di continuare su questa linea, ha detto: “Fortunatamente, le nuove politiche del Paese hanno dimostrato che, nonostante le sanzioni statunitensi in vigore, si possono fare progressi, aumentare il commercio estero, firmare nuovi contratti regionali e apportare miglioramenti nel settore del petrolio e altri campi”.


Fonte: https://english.khamenei.ir/news/8915/Today-is-one-of-the-most-openly-disgraceful-periods-in-terms


[ uno dei periodi vergognosi della storia ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.