26 Settembre 2022
Khamenei ha criticato i governi musulmani.
Il leader della Rivoluzione islamica, l’ayatollah Seyyed Ali Khamenei, si rivolge a un gruppo di studenti universitari e rappresentanti delle associazioni studentesche in un incontro tenutosi il 26 aprile 2022, a Teheran. (Foto del sito web leader.ir)

In vista dell’imminente Giornata internazionale di Gerusalemme, il leader della Rivoluzione islamica, l’ayatollah Seyyed Ali Khamenei, ha criticato i governi musulmani per aver “agito molto male” nel difendere la causa palestinese dall’occupazione israeliana.

L’ayatollah Khamenei ha espresso le sue osservazioni martedì, a Teheran, in un incontro con un gruppo di studenti universitari e rappresentanti delle associazioni studentesche.

Il Leader ha rimproverato i Paesi musulmani per aver normalizzato le relazioni con il regime israeliano, descrivendo la mossa come un “grande errore”.

“Purtroppo i governi musulmani si stanno comportando molto male [nei confronti della Palestina] e non sono nemmeno disposti a parlare della questione palestinese. Alcuni di loro s’immaginano che stabilire relazioni con i sionisti sia il modo giusto per aiutare la Palestina, mentre questo è un grosso errore”, ha affermato il Leader.

L’ayatollah Khamenei ha affermato che tale normalizzazione non darebbe frutti nemmeno per il regime di Tel Aviv, esprimendo la speranza che il popolo palestinese riconquisti presto i propri territori e liberi la moschea di al-Aqsa dall’occupazione israeliana.

Il Leader ha salutato il popolo palestinese “oppresso ma potente” che ha impedito alla questione palestinese di sprofondare nell’oblio attraverso la sua resistenza e i suoi sacrifici.

‘La giornata di Gerusalemme un’opportunità per simpatizzare con la Palestina’

“La giornata di Gerusalemme è l’occasione giusta per manifestare supporto e solidarietà al popolo oppresso della Palestina”, ha affermato il Leader.

Il leader della Rivoluzione islamica, l’ayatollah Seyyed Ali Khamenei, si rivolge a un gruppo di studenti universitari e rappresentanti delle associazioni studentesche in un incontro tenutosi a Teheran, il 26 aprile 2022. (Foto del sito web leader.ir)

“La guerra in Ucraina deve essere esaminata in modo più approfondito”

Altrove nelle sue osservazioni, il Leader ha anche attirato l’attenzione sulla formazione di un nuovo ordine mondiale, nel quale gli Stati Uniti stanno continuamente perdendo potere.

“Oggi, il mondo è alle soglie di un nuovo ordine internazionale che è in divenire dopo l’era di un ordine globale bipolare e la teoria di un ordine mondiale unipolare, durante il quale l’America, ovviamente, è diventata di giorno in giorno più debole”, ha detto il Leader.

L’ayatollah Khamenei ha inoltre sottolineato l’importanza di sviluppare un punto di vista più approfondito sul conflitto in Ucraina nel quadro del nuovo ordine emergente nel mondo.

“Gli eventi della recente guerra in Ucraina devono essere esaminati in modo più approfondito e nel contesto della formazione di un nuovo ordine mondiale, cui seguiranno probabilmente processi complessi e difficili”, ha affermato il Leader.

In una “situazione così nuova e complessa”, ha aggiunto l’ayatollah Khamenei, tutti i Paesi, inclusa la Repubblica islamica, hanno il dovere di essere presenti nel nuovo ordine sia in termini di hardware che di software per garantire i propri interessi e la sicurezza, nonché evitare l’isolamento.


Fonte: https://www.presstv.ir/Detail/2022/04/26/681047/Khamenei-Iran-Leader-university-students-associations-US-Bush


[ Khamenei ha criticato i governi musulmani ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.