26 Settembre 2022
La Siria è una grande potenza.
Il leader della Rivoluzione islamica, l’ayatollah Sayyed Ali Khamenei, riceve il presidente siriano Bashar al-Assad a Teheran, l’8 maggio 2022. (via khamenei.ir)

Il leader della Rivoluzione islamica, l’ayatollah Sayyed Ali Khamenei, afferma che, nonostante la devastazione inflitta alla Siria da anni di guerra, il paese è ora considerato una grande potenza.

L’ayatollah Khamenei ha pronunciato queste osservazioni nell’incontro di domenica con il presidente siriano Bashar al-Assad durante la seconda visita di quest’ultimo a Teheran.

“Oggi, la Siria non è la stessa Siria che era prima della guerra, anche se la devastazione [della guerra] non c’era a quel tempo, ma ora la Siria gode di un più alto grado di rispetto e credito e tutti i Paesi la considerano una potenza”, ha affermato il Leader, riferendosi ai principali successi della Siria sia nell’arena politica che militare.

L’ayatollah Khamenei ha osservato che il presidente siriano e la sua nazione sono ora onorati da tutte le nazioni della regione, aggiungendo: “Alcuni leader di Paesi che sono nostri e vostri vicini, hanno rapporti con i leader del regime sionista e prendono il caffè insieme. Tuttavia, i popoli degli stessi Paesi si riversano nelle strade durante la Giornata [internazionale] di Gerusalemme lanciando slogan anti-sionisti, questa è la realtà attuale della regione”.

Egli ha detto che vari fattori hanno influenzato la resistenza e la vittoria della Siria in una guerra internazionale, aggiungendo: “Uno dei fattori più importanti era il vostro alto morale e, se Dio vuole, sarete in grado di ricostruire le devastazioni della guerra con lo stesso morale, perché avete un grande lavoro da fare”.

Il presidente siriano Bashar al-Assad incontra il leader della Rivoluzione islamica, l’ayatollah Sayyed Ali Khamenei, a Teheran domenica 8 maggio 2022. È presente anche il presidente iraniano Ebrahim Raisi. (via khamenei.ir)

Il leader ha anche commemorato il comandante assassinato del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica (IRGC), il tenente generale della forza Quds, Qassem Soleimani, dicendo: “Quell’onorevole martire nutriva uno zelo speciale per la Siria e fece sacrifici nel vero senso della parola. La sua condotta in Siria non fu diversa dalla sua condotta durante gli otto anni di Sacra Difesa in Iran”.

L’ayatollah Khamenei ha affermato che l’alto morale e la vitalità del presidente siriano potrebbero favorire grandi opere, aggiungendo: “Anche il presidente e l’amministrazione della Repubblica islamica dell’Iran sono molto attivi e hanno un alto morale e una forte determinazione e sono molto seri sulla questione della Siria. Ora più che mai questa opportunità deve essere sfruttata per promuovere le relazioni bilaterali.

Il presidente siriano, da parte sua, ha ringraziato la nazione e il governo iraniani per il loro sostegno, dicendo: “La determinazione dell’Iran e le sue posizioni irremovibili negli ultimi quattro decenni sulle questioni regionali, in particolare sulla questione della Palestina, hanno mostrato al mondo intero che il percorso dell’Iran è un percorso corretto e di principio”.

Ha aggiunto che le devastazioni della guerra possono essere ricostruite, ma se si perdono i principi, non possono essere ricostruiti.

“La fermezza della nazione iraniana sui principi e le basi poste dall’Imam Khomeini [il defunto fondatore della Repubblica islamica], che è continuata attraverso la vostra determinazione, ha aperto la strada a grandi trionfi della grande nazione dell’Iran e dei popoli della regione, in particolare del popolo palestinese”, ha detto Assad.

Il presidente siriano ha affermato che le relazioni strategiche tra Iran e Siria sono un fattore importante, che impedisce al regime sionista di dominare l’intera regione.

Secondo l’agenzia di stampa iraniana Nour News, dopo gli importanti colloqui di domenica a Teheran, il leader siriano è partito per Damasco.

Assad ha effettuato la sua prima visita a Teheran nel febbraio 2019, dopo che una coalizione trilaterale Iran-Russia-Siria era riuscita a reprimere i terroristi takfiri e riportare una pace parziale nel Paese arabo.

L’allora comandante del Corpo delle Guardie della Rivoluzione islamica (IRGC) dell’Iran, il tenente generale della forza Quds, Qassem Soleimani, aveva accompagnato il presidente siriano nella sua prima visita a Teheran. Il generale Soleimani fu successivamente assassinato dalle forze di occupazione statunitensi in Iraq su ordine diretto dell’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Durante il loro primo incontro, l’Ayatollah Khamenei disse ad Assad che la Repubblica islamica era onorata di sostenere la Siria e lo considerava uguale a sostenere l’intero fronte di resistenza.

Il Leader ha menzionato la resistenza del presidente e del popolo siriano come la ragione principale alla base della sconfitta degli Stati Uniti e dei suoi mercenari regionali, osservando: “La Repubblica islamica dell’Iran considera il sostegno al governo e al popolo siriani come un aiuto al movimento e alla corrente della resistenza, e ne va fiera dal profondo del cuore”.


Fonte: https://www.presstv.ir/Detail/2022/05/08/681726/Iran-Syria-Bashar-al-Assad-Tehran-visit-Raeisi-Khamenei


[ la Siria è una grande potenza ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.