7 Ottobre 2022
Discorso di Nasrallah durante la campagna elettorale.

Al-Ahed news

Il segretario generale di Hezbollah, Sua Eminenza Sayyed Hassan Nasrallah, ha pronunciato un discorso durante la campagna elettorale che il partito sta conducendo per il governatorato della Beqa a Baalbek, Rayak e Mashghara.

Sayyed Nasrallah ha iniziato salutando e dando il benvenuto a tutti i partecipanti alla campagna elettorale che Hezbollah sta conducendo per la regione della Beqa.

Sua Eminenza ha salutato il popolo della Beqa affermando che esso “nei tempi passati e nella storia moderna ha difeso e si è sacrificato sulla via di Dio, così come nella lotta attuale”.

Sayyed Nasrallah si è rivolto al pubblico e ha detto: “La vostra massiccia presenza riflette la vostra lealtà alla Resistenza, poiché voi siete il popolo della resistenza, la sua mano forte, la sua mente, gli occhi, il cuore e le emozioni… la vostra presenza in questa campagna ne è una chiara prova, ed è sia un messaggio che una risposta”.

Il leader della Resistenza ha affrontato il caso della giornalista palestinese martirizzata, Shireen Abu Akleh, affermando che “è stata una testimone dei crimini del nemico ‘israeliano’ e dell’ingiustizia inflitta al popolo palestinese”.

“La natura barbara del nemico ‘israeliano’ non è cambiata visti i suoi massacri in Palestina, Libano ed Egitto”, ha continuato Sua Eminenza.

Commentando l’assassinio di Shireen Abu Akleh, Sayyed Nasrallah ha detto: “I primi che devono vergognarsi sono coloro che normalizzano i legami con ‘Israele’ e tentano di convincere il nostro popolo che la presenza di ‘Israele’ sia qualcosa di normale”.

“Il messaggio più forte del martirio di Shireen Abu Akleh è che lei è cristiana”, ha spiegato Sayyed Nasrallah, aggiungendo che il messaggio riguardante il suo martirio è che “il nemico ‘israeliano’ ha ucciso cristiani e musulmani [allo stesso modo] e ha attaccato le loro sacralità e distrutto le loro case”.

“Il messaggio del martirio di Shireen Abu Akleh è che tutti sono in pericolo a causa dell’immutabile apartheid del regime ‘israeliano’ e delle sue politiche disumane”, ha aggiunto il segretario generale di Hezbollah.

Nel suo discorso, Sayyed Nasrallah ha espresso le sue condoglianze alle famiglie delle Forze di Protezione civile dell’Esercito siriano martirizzate oggi [venerdì 15 maggio] per mano dei gruppi takfiri nelle campagne di Aleppo.

Allo stesso modo, Sua Eminenza ha affermato l’importanza della Beqa e del suo popolo come “parte essenziale della Resistenza”.

“Così come la resistenza dell’Imam Sayyed Musa Sadr è iniziata dalla Beqa, altrettanto è avvenuto per la Resistenza islamica, dove sono state gettate le sue basi”, ha detto Sayyed Nasrallah.

Il leader della Resistenza ha continuato dicendo: “Vogliono che la gente della Beqa abbandoni la Resistenza e le sue armi prendendola di mira politicamente, economicamente e mediaticamente”.

Parallelamente, Sayyed Nasrallah ha chiarito: “Le operazioni [della Resistenza] sono iniziate nella terra della Beqa fino a quando la Beqa occidentale non è stata liberata”.

“Per molti anni i giovani della Beqa e della Beqa occidentale, di tutte le città e villaggi, sono stati presenti su tutti i fronti della Resistenza nella Beqa e nel Libano meridionale”, ha affermato il segretario generale.

Rivolgendosi alla gente della Beqa, Sayyed Nasrallah ha detto: “Il vostro più caro martire, Sayyed Abbas al-Moussawi, è stato martirizzato nella terra del Libano meridionale e nella guerra di luglio voi eravate presenti… nel corso della storia voi siete stati con Hezbollah; Hezbollah siete voi”.

Sua Eminenza ha inoltre osservato: “Dobbiamo ricordare coloro che sono rimasti al fianco della Resistenza, in cima a loro c’è la Siria, e coloro che [invece] sono stati al fianco di ‘Israele'”.

“Se il piano dei gruppi terroristici fosse stato destinato a trionfare in Siria, essi avrebbero rappresentato un pericolo per la Beqa e tutto il Libano”, ha avvertito il leader della Resistenza.

Sayyed Nasrallah ha evidenziato la questione della politicizzazione dell’Esercito libanese spiegando come “è stato vietato, per decisione politica, di affrontare i gruppi terroristici nella battaglia delle periferie”.

Il leader di Hezbollah ha commentato come “alcuni schieramenti politici hanno sostenuto i gruppi armati come Daesh [acronimo arabo di ‘ISIS’/’ISIL’] e il Fronte al-Nusra”.

“Quei gruppi terroristici hanno perpetrato massacri orribili contro i musulmani sunniti e ora stanno compiendo attacchi terroristici quotidiani in Afghanistan, indipendentemente dal fatto che le vittime siano sciite o sunnite”, ha aggiunto Sayyed Nasrallah.

Sempre nel suo discorso, Sua Eminenza ha ricordato alla folla il leader martire Sayyed Mustafa Badreddine, dicendo: “Se godiamo della sicurezza e della protezione lontano dalle autobombe, ciò è grazie al leader martire Mustafa Badreddine e ai fratelli della Resistenza”.

“Dovete decidere tra coloro che hanno imbracciato le armi per difendere la Beqa e coloro che hanno armato i gruppi militanti per attaccare le vostre case”, ha detto il leader della Resistenza.

Altrove nel suo discorso, Sayyed Nasrallah ha chiarito il fatto che Hezbollah non “guadagna denaro dai ministeri di cui siamo responsabili; noi invece lì spendiamo soldi”.

Il segretario generale ha promesso di lavorare alla realizzazione di un progetto strategico per la Beqa, ossia il tunnel che collegherà Beirut alla regione della Beqa.

“L’attuale ministro dei Lavori pubblici ha affrontato il progetto con diversi paesi e seguirà questo progetto con i parlamentari della Beqa”, ha affermato Sayyed Nasrallah.

Il capo della Resistenza ha affermato che “Hezbollah si sforzerà di migliorare la produzione agricola e le vendite nella Beqa”.

Inoltre, Sayyed Nasrallah si è rivolto agli elettori e ha detto: “Mi rivolgo a tutti coloro che voteranno il 15 maggio, perché abbiamo sentito cose molto ridicole e strane, che indicano il livello di decadenza etica e culturale”.

“Alcuni si presentano come leader che vogliono costruire lo Stato, uno di loro è responsabile della sparizione di 11 miliardi di dollari, un altro vuole liberare gli sciiti dall’Imam Hussein [AS] e l’obiettivo elettorale dell’altro è di ballare e nuotare!”, ha esclamato Sua Eminenza.

“Stanno ridicolamente considerando sciocche le persone, terrorizzandole con Hezbollah”, ha aggiunto il segretario generale.

Tuttavia, Sayyed Nasrallah ha respinto decisamente quanto suddetto dicendo: “Le armi della Resistenza non hanno impedito a nessuno di risolvere il problema dell’elettricità o di costruire dighe, né hanno causato le tragiche politiche economiche degli ultimi decenni”.

Inoltre, il Leader della Resistenza ha asserito che “Washington ha aiutato i suoi gruppi a contrabbandare il denaro dei depositanti libanesi fuori dal Paese”.

Sua eminenza ha proseguito dicendo: “Coloro che hanno formato le loro liste elettorali nell’Ambasciata degli Stati Uniti, devono chiedere a Washington di restituire i soldi dei depositanti libanesi dopo che sono stati contrabbandati”. “Gli Stati Uniti vietano gli investimenti in Libano e lavorano per far morire di fame il popolo libanese”, ha aggiunto.

Espandendosi sulla questione delle campagne elettorali, Sua Eminenza ha spiegato: “Nelle campagne elettorali in Libano abbiamo assistito a uno stato di odio senza precedenti”.

Sayyed Nasrallah ha concluso il suo discorso affermando che “votare il giorno delle elezioni è un messaggio per tutti coloro che cospirano contro la Resistenza e le sue armi, nonché coloro che cospirano contro il futuro del popolo libanese”.

Sua Eminenza ha concluso il suo discorso rivolgendosi ancora una volta ai cittadini della Beqa dicendo loro: “Le speranze nella vostra partecipazione sono alte; vi chiediamo di votare il 15 maggio e di segnare la vostra onorevole impronta digitale con l’inchiostro, non col sangue”.


Segui il Fronte della Resistenza al Mondialismo!
Whatsapp: https://chat.whatsapp.com/Kxgfbt8U0klEmkt6NXr4Rg
Telegram: https://t.me/dallapartedeglioppressi
Facebook: https://www.facebook.com/frontedellaresistenza
Instagram: https://www.instagram.com/frontedellaresistenza.ir/
Sito: frontedellaresistenza.ir


Fonte: https://english.alahednews.com.lb/65414/385


[ discorso di Nasrallah durante la campagna elettorale ]

[ discorso di Nasrallah durante la campagna elettorale ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.