26 Settembre 2022
L'Iran collega alle principali rotte energetiche.
Il 24 giugno 2022 il presidente iraniano Ebrahim Raisi partecipa al 14° vertice del BRICS in forma virtuale tramite una videochiamata. (Foto di president.ir)

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi afferma che la Repubblica islamica dell’Iran può essere un “partner sostenibile” che collega il gruppo di nazioni del BRICS alle principali rotte energetiche e ai principali mercati in tutto il mondo, data la sua posizione geopolitica e geoeconomica unica.

“Siamo pronti a condividere tutte le nostre capacità e potenzialità, comprese le reti di trasporto e di transito brevi ed economiche, l’eccezionale risorsa di manodopera qualificata e i significativi risultati scientifici per [aiutare] il BRICS a realizzare i suoi obiettivi”, ha detto Raisi in un discorso televisivo al vertice virtuale del BRICS Business Forum, a cui hanno partecipato venerdì i massimi leader del gruppo.

Egli ha affermato che le “nuove e diverse” sfide nell’attuale mondo interconnesso influenzano l’amicizia e la pace globali. Raisi ha sottolineato la necessità di rafforzare l’interazione tra i paesi del BRICS di fronte a nuove crisi come la pandemia del coronavirus, i cambiamenti climatici e i conflitti regionali e internazionali.

C’è un’esperienza e volontà collettiva di superare i problemi esistenti che faciliterebbero la realizzazione di iniziative di sviluppo collettivo, ha affermato il presidente.

“Dobbiamo rafforzare la piattaforma globale per rendere efficace il ruolo delle istituzioni multilaterali indipendenti nel raggiungere uno sviluppo integrato e la pace globale”.

Il presidente iraniano ha affermato che approcci globali contraddittori, unilateralismo, nazionalismo e sfide come sanzioni e misure economiche coercitive sottolineano l’importanza di “creare e rafforzare nuove istituzioni a fianco delle Nazioni Unite” nel tentativo di fare un passo importante verso la realizzazione di “una società umana con un futuro comune” nel rispetto della sovranità nazionale dei paesi.

Raisi ha affermato che il BRICS, in quanto gruppo pionieristico composto da grandi economie emergenti, è stato in grado di lanciare nuove tendenze globali nel promuovere le sue iniziative.

“Con economie complementari e diversità culturale, i membri del BRICS possono soddisfare i reciproci bisogni e condividere le loro esperienze di sviluppo nazionali e autoctone per promuovere la prosperità globale”.

Egli ha affermato che il BRICS è riuscito a svolgere un ruolo efficace nel promuovere obiettivi come lo sviluppo delle relazioni Sud-Sud, la riforma del sistema finanziario internazionale e la presentazione di idee e iniziative da parte dei suoi membri, il che dimostra la natura innovativa del gruppo e la sua efficacia nella congiuntura attuale e in futuro.

La Repubblica islamica crede nella giustizia globale, ha affermato il Presidente Raisi, sottolineando che è una “necessità innegabile” trasformare un tale ideale in dialogo a livello internazionale.

Il gruppo BRICS comprende Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa. Le loro economie rappresentano oltre il 40% della popolazione mondiale e quasi un quarto del prodotto interno lordo mondiale.


Fonte: https://www.presstv.ir/Detail/2022/06/24/684466/Iran-BRICS-Raeisi-energy-hub-markets–unilateralism-nationalism-cooperation-


[ l’Iran collega alle principali rotte energetiche ]

[ l’Iran collega alle principali rotte energetiche ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.