7 Ottobre 2022
Assad considera l'Iran "parte della soluzione" ai problemi regionali.
Il 2 luglio 2022 il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir-Abdollahian (a sinistra) incontra il presidente siriano Bashar al-Assad a Damasco, in Siria.

Il presidente siriano Bashar al-Assad considera l’Iran “parte della soluzione” ai problemi regionali, mentre ha criticato le potenze occidentali per creare tensioni nel suo Paese.

Egli ha fatto le osservazioni sabato pomeriggio durante un incontro con Hossein Amir-Abdollahian, il ministro degli Esteri iraniano in visita a Damasco.

Amir-Abdollahian è arrivato nella capitale siriana all’inizio della giornata a capo di una delegazione di alto livello ed è stato ufficialmente accolto dal suo omologo siriano, Faisal Mekdad, all’Aeroporto Internazionale di Damasco.

“Siamo felici che in tali condizioni la Repubblica islamica dell’Iran sia parte della soluzione politica nella regione”, ha affermato il presidente siriano, secondo una dichiarazione ufficiale dell’incontro pubblicata dal Ministero degli Esteri iraniano.

Egli ha affermato che sono necessari sforzi regionali collettivi per risolvere certi problemi, sottolineando che Damasco accoglie con favore qualsiasi soluzione che tenga la Siria lontana dalla guerra.

Sottolineando l’importanza della visita di Amir-Abdollahian in Siria, Assad ha affermato che sta emergendo una nuova situazione che “inclinerà a nostro favore l’equilibrio di potere nella regione”.

Egli ha poi condannato i paesi occidentali per fomentare tensioni in Siria con l’obiettivo di vendicarsi del governo siriano e ottenere concessioni.

Altrove nelle sue osservazioni, Assad ha definito la relazione Teheran-Damasco una “alleanza strategica” che è andata costantemente migliorando negli ultimi quarant’anni.

Egli ha anche affermato che la Palestina è una questione di preoccupazione comune per l’Iran e la Siria, aggiungendo che nella regione è stata formata una “alleanza di volontà” per affrontare le potenze egemoniche.

Da parte sua, Amir-Abdollahian ha convenuto che i nemici della Siria stanno complottando per fomentare l’instabilità nel Paese arabo.

Egli ha condannato la violazione dell’integrità territoriale della Siria da parte del regime israeliano e ha affermato che il silenzio delle capitali occidentali, che affermano di difendere i diritti umani, espone i loro doppi standard.

“L’incapacità di affrontare seriamente le azioni distruttive e aggressive del regime sionista dimostra che l’affermazione dei paesi occidentali di cercare di stabilizzare la sicurezza in Siria non è veritiera, e questa [inazione] incoraggia il regime sionista razzista a cercare di sovvertire la situazione in Siria”, ha aggiunto.

Egli ha anche trasmesso i saluti della guida della Rivoluzione Islamica, l’ayatollah Seyyed Ali Khamenei, e del presidente iraniano Ebrahim Raisi al presidente Assad, affermando che la recente visita del presidente siriano a Teheran è stata un punto di svolta nelle relazioni bilaterali.

Assad ha visitato Teheran a maggio e ha tenuto colloqui con l’ayatollah Khamenei e Raisi.

“Durante quel viaggio, siamo entrati in una nuova fase di cooperazione globale tra i due paesi, anche in vari campi economici e commerciali”, ha detto Amir-Abdollahian ai giornalisti sabato, all’arrivo a Damasco.

“La giornata odierna rappresenta un’ottima opportunità per discutere con il mio collega, il signor Faisal Mekdad, dell’ultimo stato delle relazioni tra i due paesi”, ha aggiunto il massimo diplomatico iraniano.

Altrove nelle sue osservazioni, Amir-Abdollahian ha affermato che l’Iran condanna con forza la violazione dell’integrità territoriale della Siria da parte del regime israeliano.

“Insieme alle sanzioni imposte contro il resistente popolo siriano, i sionisti cercano di destabilizzare [la Siria] e aumentare i problemi del popolo siriano”, ha affermato.

Il principale diplomatico iraniano ha menzionato gli atti di aggressione di Israele contro la Siria, compresi i recenti attacchi missilistici alla città portuale di Tartus, nella parte occidentale della Siria.

“L’Iran condanna l’aggressione sionista che questa mattina ha preso di mira la parte meridionale di Tartus”, ha affermato Amir-Abdollahian, aggiungendo che Israele cerca di ritrarre Damasco come una città insicura per ostacolare il ritorno degli sfollati.

Sabato, almeno due civili sono rimasti feriti in seguito agli attacchi missilistici di Israele su Tartus.

Secondo l’agenzia di stampa ufficiale siriana SANA, una fonte militare ha affermato che le difese aeree siriane sono state in grado di abbattere la maggior parte dei missili lanciati dagli aerei da guerra israeliani provenienti dalla direzione della città di Tripoli, nel nord del Libano.

Altrove nelle sue osservazioni, Amir-Abdollahian ha fatto riferimento alle minacce di Ankara di usare la forza all’interno della Siria e ha affermato che l’Iran comprende le preoccupazioni sulla sicurezza della Turchia, ma si oppone a qualsivoglia forma di azione militare.

“Stiamo compiendo degli sforzi per risolvere i malintesi esistenti tra Siria e Turchia attraverso la diplomazia e i colloqui politici”, ha aggiunto.

Mekdad: La Siria sostiene l’Iran nei colloqui PACG

Da parte sua, Mekdad ha sottolineato l’importanza della visita, affermando che i due paesi tengono continue e strette consultazioni su tutti gli sviluppi.

Egli ha espresso il sostegno della Siria all’Iran nei colloqui volti a ripristinare il Piano d’azione congiunto globale (PACG), comunemente noto come l’accordo con l’Iran, che è stato abbandonato dagli Stati Uniti nel 2018.

L’ex presidente Donald Trump ha rinnegato l’accordo nel 2018 e ripristinato dure sanzioni statunitensi contro l’Iran. L’amministrazione di Joe Biden ha espresso la volontà di rientrare nell’accordo, ma non è riuscita a rimuovere le sanzioni, come previsto dal PACG, e ha invece aggiunto delle misure punitive in violazione del PACG.

Iran e Usa hanno concluso due giorni di colloqui indiretti, mediati dall’Unione Europea, nella capitale del Qatar, Doha, in un tentativo di rompere lo stallo nel rilanciare il PACG, con Teheran e l’UE che al termine dei colloqui hanno affermato che si terranno in contatto “sulla continuazione del percorso e sulla fase successiva dei colloqui”.

Altrove nelle sue osservazioni, il Ministro degli Esteri siriano ha anche affermato che la situazione in Siria richiede maggiori consultazioni tra i due paesi amici, in particolare in merito ai ripetuti atti di aggressione di Israele al territorio siriano, oltre alle minacce lanciate da Tel Aviv contro l’Iran, che mirano a indebolire il fronte della resistenza.


Segui il Fronte della Resistenza al Mondialismo!
Whatsapp: https://chat.whatsapp.com/Kxgfbt8U0klEmkt6NXr4Rg
Telegram: https://t.me/dallapartedeglioppressi
Facebook: https://www.facebook.com/frontedellaresistenza
Instagram: https://www.instagram.com/frontedellaresistenza.ir/
Sito: frontedellaresistenza.ir


Fonte: https://www.presstv.ir/Detail/2022/07/02/684910/Iran-FM-meets-Syrian-President-Assad


[ Assad considera l’Iran “parte della soluzione” ai problemi regionali ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.