26 Settembre 2022

Il giornalista e storico albanese, Olsi Jazexhi, ha dichiarato che la polizia e i tribunali albanesi stanno fornendo un fermo sostegno all’Organizzazione terroristica Mujahedin-e-Khalq (Mko). I membri che vogliono abbandonare il famigerato gruppo vengono terrorizzati e incarcerati, ha rivelato Olsi Jazexhi in un tweet sabato.

Nei suoi tweet, Jazexhi ha citato Anila Hoxha, una giornalista collegata alla polizia antiterrorismo albanese, che ha affermato che il movimento – guidato dalla leader Maryam Rajavi – e i suoi affiliati sono “in piena offensiva contro i disertori iraniani in Albania”.

Anila Hoxha ha annunciato ieri che il procuratore speciale della struttura anticorruzione ha bloccato l’attività di Asila”, ha scritto Jazexhi. “Asila è un’associazione di disertori iraniani – membri di @Mojahedineng/PMOI combattenti stranieri che abbandonano l’attività terroristica contro l’Iran e vivono una vita civile. Le loro defezioni hanno causato una grave crisi all’interno dell’organizzazione paramilitare ospitata dall’Albania”, ha aggiunto.

Mko, i terroristi figli dell’Occidente

Jazexhi ha dichiarato che “centinaia” militanti di Mko vogliono abbandonare il gruppo, ma Rajavi usa la polizia albanese per “terrorizzarli e intimidirli”. Ci sono centinaia di adepti ridotti in schiavitù che vogliono abbandonare il gruppo terroristico e vivere una vita civile. 

Jazexhi ha sottolineato che Asila ha avuto un discreto successo nel fornire una finestra di speranza a dozzine di iraniani che vogliono liberarsi dal gruppo terroristico. “Dato che l’Albania è una democrazia nominale e un Paese europeo, Maryam Rajavi non è stata in grado di assassinare i suoi disertori. Ma il trucco che sta usando per eliminarli sono bugie, notizie false, assassinio di personaggi e usare i tribunali e la polizia albanesi per incarcerare i disertori”, ha twittato.

Mohammad Marandi, professore di studi internazionali all’Università di Teheran, ha censurato il governo albanese definendolo un “regime fantoccio degli Stati Uniti”.

I terroristi Mko, sostenuti dall’Occidente, hanno combattuto come soldati per Saddam e hanno ucciso 17mila iraniani in attacchi terroristici. Fondato più di 50 anni fa, l’Mko ha lanciato una campagna di attentati e omicidi in Iran. Dei 17mila iraniani uccisi in attacchi terroristici negli ultimi quattro decenni, circa 12mila sono caduti vittime degli atti terroristici del gruppo.

Il famigerato gruppo terroristico ha attualmente sede in Albania, dove gode della libertà di attività. Indipendentemente dal suo discredito in tutto il mondo, negli ultimi anni l’Mko ha organizzato numerosi grandi eventi a cui hanno partecipato alti funzionari americani, israeliani e sauditi, tra cui l’ex senatore statunitense John McCain, l’ex sindaco di New York City, Rudy Giuliani, l’ex consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, John Bolton, l’ex senatore degli Stati Uniti, Joe Lieberman e l’ex direttore dell’agenzia di intelligence dell’Arabia Saudita, Turki bin Faisal Al Saud.


Segui il Fronte della Resistenza al Mondialismo!
Whatsapp: https://chat.whatsapp.com/Kxgfbt8U0klEmkt6NXr4Rg
Telegram: https://t.me/dallapartedeglioppressi
Facebook: https://www.facebook.com/frontedellaresistenza
Instagram: https://www.instagram.com/frontedellaresistenza.ir/
Sito: frontedellaresistenza.ir


Fonte: https://ilfarosulmondo.it/mko-terrorizza-e-imprigiona-i-disertori-del-gruppo/

[ I membri che vogliono abbandonare vengono terrorizzati ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.