7 Ottobre 2022

Con la visita di Nancy Pelosi a Taiwan, gli Stati Uniti hanno lanciato una pericolosa provocazione nei confronti della Cina. L’articolo che proponiamo tradotto è stato pubblicato in cinese e inglese dalla Missione della Repubblica Popolare Cinese presso l’Unione Europea e dall’agenzia stampa Xinhua.

Provocazione Stati Uniti nei confronti della Cina.

La presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, ha recentemente compiuto una visita provocatoria nella regione cinese di Taiwan, senza tener conto della forte opposizione e delle serie manifestazioni della Cina. La visita costituisce una grave violazione del principio di “una sola Cina” e delle disposizioni dei tre comunicati congiunti Cina-USA. Ha un forte impatto sulle basi politiche delle relazioni Cina-USA, viola gravemente la sovranità e l’integrità territoriale della Cina e mina gravemente la pace e la stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan.

Visitando Taiwan, Pelosi ha commesso sei errori: rinnegare gli impegni passati, calpestare lo Stato di diritto, minare la pace, ingerenza negli affari interni della Cina, manipolazione politica e abusi del potere per scopi egoistici. La visita è destinata ad affrontare il giudizio e la condanna della storia.

Rinunciare agli impegni passati

La visita è una grave violazione degli impegni degli Stati Uniti nei tre comunicati congiunti Cina-USA. Nel 1972, gli Stati Uniti si impegnarono chiaramente nel comunicato di Shanghai, secondo il quale “gli Stati Uniti riconoscono che tutti i cinesi su entrambi i lati dello Stretto di Taiwan sostengono che esiste una sola Cina e che Taiwan fa parte della Cina. Il governo degli Stati Uniti non sfida quella posizione“. Nel 1979, gli Stati Uniti hanno chiaramente promesso nel comunicato congiunto sino-americano sull’instaurazione di relazioni diplomatiche che “gli Stati Uniti d’America riconoscono il governo della Repubblica Popolare Cinese come l’unico governo legale della Cina. In questo contesto, il popolo degli Stati Uniti manterrà relazioni culturali, commerciali e non ufficiali con il popolo di Taiwan“. Nel 1982, gli Stati Uniti hanno chiaramente promesso nel comunicato congiunto tra la Repubblica Popolare Cinese e gli Stati Uniti d’America che “gli Stati Uniti d’America hanno riconosciuto il governo della Repubblica Popolare Cinese come unico governo legale della Cina e hanno riconosciuto la posizione cinese secondo cui c’è una sola Cina e Taiwan fa parte della Cina“, e che “il governo degli Stati Uniti […] ribadisce che non ha intenzione di violare la sovranità e l’integrità territoriale cinesi, o interferire negli affari interni della Cina, o perseguire una politica di ‘due Cine’ o ‘una Cina, una Taiwan’“. I tre comunicati congiunti costituiscono il fondamento politico delle relazioni Cina-USA.

Negli ultimi anni, gli Stati Uniti, con il loro doppio gioco, hanno continuato a confondere e svuotare il principio di “una sola Cina” e sfidare la linea rossa cinese con tattiche “a salame”. Il Congresso degli Stati Uniti continua a fare una retorica tossica su Taiwan e ha proposto e adottato molti progetti di legge negativi su Taiwan. Questi hanno seriamente minato le basi politiche delle relazioni Cina-USA.

Da quando l’amministrazione Biden è entrata in carica, piuttosto che annullare i gravi errori della precedente amministrazione, è andata oltre, unendosi con gli alleati statunitensi per giocare la “carta di Taiwan”, diffondendo l’idea che “lo status di Taiwan è indeterminato” e tentando di rendere la questione di Taiwan una questione internazionale, inviando così un segnale molto sbagliato alle forze separatiste della “indipendenza di Taiwan”.

Ci può essere solo una politica estera degli Stati Uniti come Paese. La Camera dei Rappresentanti del Congresso degli Stati Uniti, in quanto parte del governo degli Stati Uniti, è obbligata a seguire rigorosamente la politica di “una sola Cina” del governo degli Stati Uniti e a non impegnarsi in alcuna interazione ufficiale con la regione cinese di Taiwan. Pelosi è la terza figura politica più alta negli Stati Uniti e la seconda dopo il vicepresidente nell’ordine di successione al presidente. La sua visita a Taiwan, in qualsiasi forma e con qualsiasi pretesto, è caratterizzata da un’elevata sensibilità politica e segna un’importante provocazione politica che porta ad un livello più elevato le interazioni ufficiali tra gli Stati Uniti e Taiwan e una violazione dell’impegno politico degli Stati Uniti.

Calpestare lo Stato di diritto

La visita di Pelosi a Taiwan è una grave violazione del principio di “una sola Cina”. Questo principio è il consenso prevalente della comunità internazionale e una norma fondamentale ampiamente accettata nelle relazioni internazionali.

Nell’ottobre 1971, la 26a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato la risoluzione 2758, che ha deciso di “ripristinare tutti i suoi diritti alla Repubblica oopolare Cinese e di riconoscere i rappresentanti del suo governo come gli unici legittimi rappresentanti della Cina presso le Nazioni Unite, e di espellere immediatamente i rappresentanti di Chiang Kai-shek dal posto che occupano illegalmente presso le Nazioni Unite e in tutte le organizzazioni ad esse collegate“. Questa risoluzione non solo ha risolto una volta per tutte in termini politici, legali e procedurali la questione della rappresentanza dell’intera Cina, compresa Taiwan, alle Nazioni Unite, ma ha anche chiarito che esiste un solo eggio della Cina nel Nazioni Unite, non due, e che non si è mai parlato di “due Cine” o “una Cina, una Taiwan”. Il principio di “una sola Cina” è stato parte integrante dell’ordine internazionale del secondo dopoguerra. Ad oggi, 181 Paesi nel mondo hanno stabilito relazioni diplomatiche con la Repubblica Popolare Cinese sulla base del principio di “una sola Cina”.

Pelosi sostiene che la visita non contraddice la politica statunitense di lunga data guidata dal Taiwan Relations Act del 1979, dai Comunicati congiunti Cina-USA e dalle Sei assicurazioni, adducendo ciò come scusa per la visita a Taiwan. In effetti, sia il cosiddetto Taiwan Relations Act che le “Six Assurances to Taiwan” sono state escogitate unilateralmente da alcune forze negli Stati Uniti. Questo significa mettere le leggi nazionali degli Stati Uniti al di sopra del diritto internazionale e degli obblighi internazionali, e ignorare e violare il diritto internazionale e le norme delle relazioni internazionali.

Minare la pace

La causa principale delle attuali tensioni nello Stretto di Taiwan è che le autorità di Taiwan hanno continuato a cercare il sostegno degli Stati Uniti per il loro programma di indipendenza, mentre alcuni negli Stati Uniti intendono utilizzare Taiwan per contenere la Cina. La visita di Pelosi a Taiwan è l’ultimo esempio della connivenza degli Stati Uniti con le forze separatiste dell’”indipendenza di Taiwan” e del loro sostegno. Ciò minaccia gravemente la pace attraverso lo Stretto di Taiwan e la stabilità regionale. Gli Stati Uniti dovrebbero e devono assumersi tutte le responsabilità al riguardo.

Negli ultimi giorni, molti Paesi hanno rilasciato dichiarazioni ufficiali di condanna della visita di Pelosi a Taiwan, che porta a un’escalation della situazione nello Stretto di Taiwan e costituisce una deliberata provocazione politica e militare, nonché un atto malizioso che mina la pace e la sicurezza nel regione. Hanno espresso un fermo sostegno affinché la Cina adotti tutte le misure necessarie a difesa della sua sovranità, della sua sicurezza e dei suoi interessi di sviluppo. La visita provocatoria di Pelosi a Taiwan è osteggiata e criticata anche da molte persone ragionevoli negli Stati Uniti. Molti hanno dichiarato pubblicamente che la visita imponente di Pelosi è stata estremamente pericolosa e irresponsabile. Un sondaggio condotto all’interno dell’isola di Taiwan mostra che quasi due terzi degli intervistati ritengono che questa visita abbia minato la pace e la stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan.

Il principio di “una sola Cina” è l’ancora per la pace e la stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan. La storia e la pratica hanno dimostrato più e più volte che quando il principio di “una sola Cina” sarà pienamente approvato e seriamente osservato, lo Stretto di Taiwan rimarrà calmo e tranquillo e le due parti attraverso lo Stretto di Taiwan potranno godere di pace e sviluppo; ma quando il principio di “una sola Cina” viene volontariamente sfidato o addirittura sabotato, nuvole scure o persino violente tempeste si manifestano nello Stretto di Taiwan. La posizione del governo e del popolo cinese sulla questione di Taiwan è stata coerente. È il fermo impegno degli oltre 1,4 miliardi di cinesi di salvaguardare risolutamente la sovranità statale e l’integrità territoriale.

Chiunque agisca contro la travolgente tendenza storica della pace e dello sviluppo diventerà un’enorme disgrazia nella storia.

Ingerenze negli affari interni della Cina

Durante la sua visita a Taiwan, Pelosi ha sfruttato varie occasioni per lanciare calunnie oltraggiose contro la Cina su questioni tra cui democrazia, diritti umani, Hong Kong, Tibet, Xinjiang e religione, che riflettono la sua posizione anti-cinese di lunga data.

Nel corso degli anni, Pelosi ha utilizzato la carta anti-cinese e la sinofobia per guadagni politici e ha gravemente interferito negli affari interni della Cina. Nel 1991, durante la sua visita in Cina, Pelosi ha disturbato l’ordine pubblico in nome del sostegno alla cosiddetta “democrazia”. Nel 2008, ha fatto di tutto per creare problemi in Tibet e ha esortato il presidente George W. Bush a boicottare le Olimpiadi estive di Pechino. Nel 2019, ha incontrato a Washington DC le forze anti-cinesi e destabilizzanti di Hong Kong e ha descritto le violente manifestazioni di Hong Kong come “uno spettacolo bellissimo da vedere“. Nel 2019 ha incontrato Rebiya Kadeer, figura principale dei separatisti dell’”indipendenza dello Xinjiang”. Nel 2021, ha giocato lo stesso vecchio trucco sostenendo un “boicottaggio diplomatico” statunitense delle Olimpiadi invernali di Pechino. Sulla questione taiwanese, l’influenza di Pelosi è sicuramente alla base di tutte le cosiddette proposte di legge “Taiwan-friendly” approvate dal Congresso degli Stati Uniti negli ultimi anni.

Pelosi ha chiuso un occhio sulla miriade di sfide interne negli Stati Uniti e ha mostrato scarso interesse per il benessere del popolo statunitense. Invece, è ossessionata dal ripetere quelle che sono state dimostrate a più riprese essere bugie del secolo. Questo rivela pienamente fino a che punto è disposta ad andare solo per perseguire la sua agenda anti-cinese. Potrebbe anche scegliere di fare uno show in qualsiasi forma, ma quello che fa finirà invano. Semmai, passerà alla storia solo come ulteriore prova della grave interferenza degli Stati Uniti negli affari interni di altri Paesi.

Manipolazione politica

Pelosi ha affermato che “oggi il mondo deve scegliere tra democrazia e autocrazia” e che “la visita della nostra delegazione del Congresso a Taiwan onora l’impegno incrollabile dell’America nel sostenere la vivace democrazia di Taiwan“. Eppure, in realtà, ciò che Pelosi ha fatto non è affatto per difendere la democrazia, ma per violare la sovranità cinese, minare la stabilità della Cina e frenare lo sviluppo della Cina in nome della democrazia. È una vera e propria manipolazione politica.

La democrazia è un valore comune dell’umanità. È un diritto dei popoli in tutti i Paesi, non una prerogativa solo di una manciata di Paesi. Se un Paese è democratico o meno può essere solo il suo popolo a deciderlo. Non dovrebbe essere soggetto al dito puntato di alcune persone dall’esterno. Pelosi e alcuni altri politici statunitensi, definendosi campioni di “libertà, democrazia e diritti umani”, hanno definito altri Paesi come democrazia o meno semplicemente sulla base dei propri gusti, e hanno inventato la narrativa “democrazia contro autocrazia” nella comunità internazionale. Il loro comportamento è, in sostanza, un anacronismo della mentalità della Guerra Fredda e della mentalità die giochi a somma zero. Presentano l’uso dell’ideologia e dei valori come strumento per creare blocchi conflittuali e promuovere un’agenda geopolitica, allo scopo di proteggere il potere istituzionale acquisito degli Stati Uniti e di altri Paesi occidentali e difendere il centrismo occidentale e la supremazia bianca incentrata sulla cultura anglosassone.

Nel corso degli anni, gli Stati Uniti hanno utilizzato la democrazia come etichetta, strumento politico e arma per promuovere la “trasformazione democratica” e orchestrare la “rivoluzione colorata”, provocando conseguenze disastrose. Dal 2001, le guerre e le operazioni militari che gli Stati Uniti hanno condotto con il pretesto della democrazia, in Afghanistan, Iraq, Libia e Siria, hanno causato decine di migliaia di vittime, milioni di feriti e decine di milioni di sfollati. Quello che Pelosi sta facendo ora non è diverso. È solo un altro esempio della deprecabile ricerca dell’egemonia da parte degli Stati Uniti sotto le spoglie della democrazia, che sarà fortemente condannata e contrastata dalla comunità internazionale.

Abusare del potere per scopi egoistici

Come sottolineato dai media statunitensi, con le imminenti elezioni di mid-term negli Stati Uniti e un Partito Democratico in declino, Pelosi cerca di conquistare punti politici giocando la “carta Taiwan” e lasciandosi alle spalle la cosiddetta eredità politica. Ma “i successi di Pelosi a Taiwan sono in gran parte personali, simbolici e a breve termine“. Le tensioni sulla sicurezza regionale così provocate, così come altre gravi conseguenze, avranno impatti a lungo termine e infliggeranno profondi danni alle relazioni Cina-USA.

Marjorie Taylor Greene, membro del Congresso degli Stati Uniti, ha censurato Pelosi su Twitter, sottolineando che se Pelosi andrà a Taiwan, provocando così tanti rischi, è solo affinché suo marito Paul Pelosi tragga profitto dal suo recente investimento nell’industria dei chip. “Gli americani ne hanno abbastanza di una donna ossessionata dal proprio potere che ha detenuto per decenni mentre il nostro INTERO PAESE si sgretola“.

Le parole di Greene non vengono dal nulla. Di recente, Pelosi e suo marito hanno avuto ripetuti scandali e sono stati oggetto di un forte scetticismo. Numerosi articoli di copertura mediatica negli Stati Uniti hanno rivelato che Paul Pelosi, essendo diventato una figura di spicco nel mercato azionario statunitense negli ultimi anni, è sempre in grado di prendere la decisione di investimento giusta poco prima dell’introduzione della politica del governo. Nel 2020, il ritorno sull’investimento della coppia è stato del 56%, rispetto al 26% del leggendario Warren Buffett nello stesso periodo. Di conseguenza, il patrimonio netto della famiglia Pelosi supera i 100 milioni di dollari. Prima che andasse a Taiwan, quando le è stato chiesto in una conferenza stampa “suo marito ha mai effettuato un acquisto o una vendita di azioni sulla base delle informazioni che ha ricevuto da lei“, Pelosi si è affrettata a negare e si è precipitata ad andarsene.

Lo sconsiderato dramma taiwanese di Pelosi è un’altra debacle della politica, della diplomazia e della credibilità degli Stati Uniti. È destinato a essere disprezzato dal mondo e gettato nella pattumiera della storia.


Segui il Fronte della Resistenza al Mondialismo!
Whatsapp: https://chat.whatsapp.com/Kxgfbt8U0klEmkt6NXr4Rg
Telegram: https://t.me/dallapartedeglioppressi
Facebook: https://www.facebook.com/frontedellaresistenza
Instagram: https://www.instagram.com/frontedellaresistenza.ir/
Sito: frontedellaresistenza.ir


Fonte: https://giuliochinappi.wordpress.com/2022/08/08/i-sei-peccati-capitali-della-visita-di-pelosi-a-taiwan/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.