26 Settembre 2022
Sadr ha annunciato che abbandonerà la vita politica.
Il 3 agosto 2022, il noto chierico sciita iracheno Muqtada al-Sadr ha tenuto un discorso televisivo nella città del mausoleo sacro di Najaf, in Iraq. (Foto by Reuters)

Il noto esponente religioso sciita iracheno Muqtada al-Sadr ha annunciato che abbandonerà la vita politica e terminerà i suoi incarichi politici in un momento di stallo politico sempre più profondo, che ha lasciato il Paese senza un nuovo governo dalle elezioni parlamentari dello scorso ottobre.

“Ho deciso di non immischiarmi negli affari politici. Pertanto annuncio ora il mio ritiro definitivo”, ha scritto Sadr in un post in arabo pubblicato lunedì sul suo account Twitter.

Nella sua dichiarazione, Sadr ha anche attaccato i suoi oppositori politici e affermato che non avevano ascoltato le sue richieste di riforma.

La dichiarazione arriva poiché molti dei sostenitori di Sadr stanno partecipando a un sit-in fuori dal parlamento iracheno dalla fine di luglio.

pic.twitter.com/XKAzl1O3OP

— Muqtada al-Sayyid Muhammad al-Sadr (@Mu_AlSadr) 29 agosto 2022

Martedì scorso, diverse centinaia di sostenitori del chierico si sono riuniti davanti al Consiglio superiore della magistratura (SJC) nella capitale Baghdad, ribadendo i loro appelli allo scioglimento del Parlamento iracheno e a tenere elezioni anticipate.

Le immagini rilasciate in quel momento dal movimento di Sadr mostravano persone che sistemavano tende fuori dai cancelli del quartier generale del SJC, mentre portavano cartelli che chiedevano la non politicizzazione della magistratura e la fine della corruzione.

In precedenza, il massimo organo giudiziario aveva affermato di non avere autorità sufficiente per sciogliere il parlamento del Paese, esortando tutte le parti ad astenersi dal coinvolgere la magistratura in rivalità politiche.

Sadr aveva chiesto lo scioglimento del parlamento ed elezioni anticipate. Aveva anche invitato i suoi sostenitori a continuare il sit-in all’interno del parlamento fino a quando le sue richieste non fossero state soddisfatte.

Il blocco di Sadr è emerso dalle elezioni di ottobre come la più grande fazione parlamentare, ma ben lontana dalla maggioranza, causando il vuoto politico più lungo del paese dalla devastante invasione del 2003 guidata dagli Stati Uniti.

A giugno, tutti i 73 legislatori del blocco hanno lasciato i loro seggi con una mossa vista come un tentativo di fare pressione sui rivali politici affinché accelerassero la formazione di un governo.

Secondo le leggi irachene, se un seggio in parlamento diventa vacante, il candidato che ottiene il secondo maggior numero di voti nel proprio distretto elettorale lo sostituisce.

Ciò significa che molti dei seggi lasciati liberi dai “sadristi” saranno quindi occupati da partiti membri dell’alleanza Quadro di coordinamento, come lo Stato di diritto dell’ex primo ministro Nouri al-Maliki e l’Alleanza Fatah, che è l’ala politica delle Unità di mobilitazione popolare, meglio conosciute come Hashd al-Shaabi.

Decine di morti, centinaia di feriti durante i disordini in seguito all’annuncio di Sadr

Dopo l’annuncio di Sadr, lunedì, decine dei suoi sostenitori hanno preso d’assalto il Palazzo Repubblicano, che è un edificio cerimoniale facente parte degli edifici governativi all’interno della Zona verde fortificata di Baghdad, ha affermato l’AFP citando una fonte della sicurezza.

I manifestanti arrabbiati “si sono introdotti nel Palazzo Repubblicano” poco dopo l’annuncio di Sadr di lasciare la politica, ha detto la fonte, mentre diverse migliaia di altri lealisti di Sadr si dirigevano verso la Zona verde.

A seguito del trambusto, il Joint Operations Command iracheno ha imposto un coprifuoco completo – che inizierà alle 19:00 ora locale (1600 GMT) – nella capitale Baghdad fino a nuovo avviso, ha riferito l’agenzia di stampa statale INA. Ha inoltre esortato i manifestanti a lasciare la Zona verde per evitare scontri.

La rete irachena al-Sumaria ha anche riferito che la polizia irachena ha usato cannoni ad acqua e gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti.

A seguito dei disordini e dopo che i manifestanti pro-Sadr hanno fatto irruzione nel quartier generale del governo, il primo ministro iracheno Mustafa al-Kadhimi ha sospeso le sessioni di gabinetto fino a nuovo avviso, ha riferito l’agenzia di stampa INA.

Secondo l’AFP, è stato aperto del fuoco che ha scosso la Zona verde di Baghdad dopo che i sostenitori di Sadr hanno preso d’assalto l’edificio del governo nell’area fortificata.

Gli ultimi rapporti indicano che le forze di sicurezza irachene hanno ripreso il controllo del Palazzo Repubblicano.

Secondo fonti mediche e di polizia irachene, negli scontri di lunedì nella capitale Baghdad 15 persone sono rimaste uccise e ben 350 ferite.

Il capo delle Nazioni Unite chiede moderazione e riduzione dell’escalation in Iraq

Lunedì, in un altro sviluppo, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha invitato alla “moderazione” in Iraq e ha chiesto a tutte le parti di “prendere provvedimenti immediati per ridurre l’escalation della situazione”.

Il segretario generale “ha seguito con preoccupazione le proteste in corso oggi in Iraq, durante le quali i manifestanti sono entrati negli edifici governativi”, ha affermato in una nota Stephane Dujarric, portavoce del capo delle Nazioni Unite.

“Fa appello alla calma e alla moderazione ed esorta tutti i soggetti interessati a prendere provvedimenti immediati per ridurre l’escalation della situazione ed evitare qualsiasi violenza”, ha aggiunto Dujarric.

“Il Segretario Generale esorta fortemente tutte le parti e i soggetti a superare le proprie divergenze e ad impegnarsi, senza ulteriori indugi, in un dialogo pacifico e inclusivo in un modo costruttivo per procedere”, ha osservato.


Segui il Fronte della Resistenza al Mondialismo!
Whatsapp: https://chat.whatsapp.com/Kxgfbt8U0klEmkt6NXr4Rg
Telegram: https://t.me/dallapartedeglioppressi
Facebook: https://www.facebook.com/frontedellaresistenza
Instagram: https://www.instagram.com/frontedellaresistenza.ir/
Sito: frontedellaresistenza.ir


Fonte: https://www.presstv.ir/Detail/2022/08/29/688244/Top-Shia-cleric-Sadr-withdraws-from-political-life-amid-Iraq%E2%80%99s-political- stallo


[ Sadr ha annunciato che abbandonerà la vita politica ]

[ Sadr ha annunciato che abbandonerà la vita politica ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.