7 Ottobre 2022

Hezbollah minaccia un’escalation se Israele inizia a estrarre gas dal giacimento conteso con il Libano

(Credito immagine: Energean)

L’8 settembre la società britannica Energean ha annunciato che il piano per estrarre gas dal giacimento di gas di Karish per conto di Israele inizierà entro il 20 settembre.

“Il progetto Shark sta procedendo secondo il programma per iniziare la produzione entro poche settimane. La data indicata per immettere il gas nel sistema è il 20 settembre, dopo di che inizieremo immediatamente a vendere gas commerciale”, ha affermato Matthew Riggs, CEO di Energean.

Il giacimento di gas di Karish è al centro di una disputa in corso sulla demarcazione del confine marittimo tra i due Stati.

Ciò fa seguito a notizie dello stesso giorno, smentite poco dopo, secondo cui Energean aveva informato Israele che l’estrazione dal giacimento di gas di Karish non avrebbe potuto aver luogo a settembre ma sarebbe dovuto essere posticipata a fine ottobre.

Il ministro dell’Energia israeliano, Karine Elharrar, è stata citata dai media israeliani per aver affermato: “Abbiamo un grande interesse affinché il gas sia estratto il più rapidamente possibile. La piattaforma è arrivata a luglio e da allora i gasdotti sono stati collegati, il che [coincide con] un difetto del giacimento, e questo è il motivo del ritardo”.

“La verità è che [i negoziati] sono ancora in corso. Se si raggiungesse un accordo, faremmo sicuramente progressi. Non ci sono intese”, ha aggiunto Elharrar.

L’annuncio di Energean è in linea con i recenti rapporti secondo cui Israele inizierà l’estrazione dal giacimento di Karish indipendentemente dal fatto di raggiungere o meno un accordo con il Libano.

Il segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha ripetutamente avvertito Israele che il gruppo di resistenza non gli permetterà di depredare le risorse naturali del Libano. Nasrallah aveva precedentemente emesso una scadenza per metà settembre, minacciando Israele che Hezbollah prenderà provvedimenti in mancanza di un accordo entro tale data tra Beirut e Tel Aviv sulla demarcazione del confine.

I rapporti del mese scorso affermano che Israele stava cercando di posticipare l’estrazione fino a dopo le imminenti elezioni di novembre, per paura di entrare in un conflitto armato con Hezbollah.

Il mediatore statunitense nei negoziati, Amos Hochstein, dovrebbe arrivare in Libano entro la fine di questa settimana per una visita “estremamente importante e decisiva” dopo che Washington ha annunciato che intensificherà gli sforzi per evitare l’escalation.


Segui il Fronte della Resistenza al Mondialismo!
Whatsapp: https://chat.whatsapp.com/Kxgfbt8U0klEmkt6NXr4Rg
Telegram: https://t.me/dallapartedeglioppressi
Facebook: https://www.facebook.com/frontedellaresistenza
Instagram: https://www.instagram.com/frontedellaresistenza.ir/
Sito: frontedellaresistenza.ir


Fonte: https://thecradle.co/Article/news/15431


[ Il piano di Karish inizierà il 20 settembre ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.