26 Settembre 2022
Veterani hanno incontrato l'Imam Khamenei.

Questo mercoledì mattina, 21 settembre 2022, alla vigilia della Settimana della Sacra Difesa, un certo numero di veterani e comandanti della Sacra Difesa, che in 8 anni hanno difeso l’Iran dall’invasione del regime di Saddam – sostenuto dagli Stati Uniti e da decine di altre potenze arroganti – hanno incontrato l’Imam Khamenei nella Hussainiyah dell’Imam Khomeini. Di seguito sono riportati alcuni dei punti principali espressi dall’Imam Khamenei durante l’incontro.

  • C’è stato un tempo in cui affermavamo che tutte le potenze mondiali come l’Occidente, la NATO, ecc. ci stavano combattendo. La guerra contro l’Iran era una guerra internazionale. Questa era la nostra affermazione in quei giorni. Oggi sono loro stessi a pubblicare i documenti e le prove, e potete vedere le loro ammissioni e testimonianze.
  • Le potenze arroganti del mondo erano dietro a Saddam nella sua guerra all’Iran, perché erano furiose per la Rivoluzione islamica. La Rivoluzione non fu semplicemente una sconfitta politica temporanea per le potenze arroganti, bensì costituiva una minaccia per il sistema dispotico dell’imperialismo globale.
  • Non riuscivano a tollerare che una nazione non temesse gli Stati Uniti. Volevano perciò vendicarsi dell’Iran. Ci provarono sferrando colpi come i tentativi di colpo di stato e l’attacco aereo di Tabas, nonché incitando i gruppi etnici, ma fallirono. Iniziarono allora una guerra militare da un paese confinante.
  • La Sacra Difesa del 1980-1988 si è rivelata un principio per la nazione iraniana. Questo principio è che la salvaguardia del Paese e la dissuasione dalle manomissioni dei nemici si ottengono attraverso la resistenza, non la sottomissione.
  • Il nemico impose la massima pressione, ma fallì. Il nemico aveva pianificato un progetto per un “Nuovo Medio Oriente”, ma ha fallito. Il nemico ha iniziato a violare i nostri confini dall’aria e dal mare, ma ha fallito. Tutti i loro fallimenti sono dovuti allo spirito di resistenza della nazione iraniana.
  • Oggi, lo status militare del Paese e la sicurezza ottenuta grazie ad esso ha raggiunto un livello tale da scoraggiare le minacce straniere. L’Amministrazione e il Parlamento dovrebbero sapere che sostenere le Forze Armate è qualcosa di obbligatorio.
  • Nella questione dei reportage, il nemico cerca di agire in modo opposto alla verità. Il risultato dell’essere sopraffatti dalla falsa grandezza e splendore del nemico in ambito politico porta a temere il nemico, e nella sfera culturale questo porta umiliazione e bassa autostima nell’affrontare il nemico.

Segui il Fronte della Resistenza al Mondialismo!
Whatsapp: https://chat.whatsapp.com/Kxgfbt8U0klEmkt6NXr4Rg
Telegram: https://t.me/dallapartedeglioppressi
Facebook: https://www.facebook.com/frontedellaresistenza
Instagram: https://www.instagram.com/frontedellaresistenza.ir/
Sito: frontedellaresistenza.ir


Fonte: https://english.khamenei.ir/news/9171/Islamic-Revolution-is-a-threat-to-global-imperialism-which-they


[ veterani hanno incontrato l’Imam Khamenei ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.