3 Dicembre 2022
Secondo gli esperti, le falsità si sono diffuse a macchia d’olio sui social media, ottenendo una crescita più rapida e duratura della verità.

I dirigenti di Google hanno definito Internet e le sue applicazioni “il più grande spazio non governato del mondo”. Teniamo presente che uno spazio non governato può permettere di mentire senza limiti. E il fatto più pericoloso è che questo “spazio” può essere sfruttato da molti per raggiungere i propri fini.

Molte persone dentro e fuori dell’Iran sono sprofondate nel processo di lettura e ascolto di “fatti” falsi – cattiva informazione – o di creare deliberatamente informazioni fuorvianti per causare danni – disinformazione.

Molti vanno oltre la lettura e l’ascolto e iniziano a far circolare la notizia, che fa parte della natura umana. Naturalmente, alcuni potrebbero non rendersi conto che stanno contribuendo alla diffusione di informazioni false. Altri, invece, hanno obiettivi e motivazioni.

Navigando tra i media occidentali e le piattaforme di notizie sostenute dall’Occidente e dai sauditi, uno può capire chiaramente le innumerevoli menzogne sull’Iran, la sua Rivoluzione e il suo popolo, nonché sugli eventi che si svolgono all’interno del paese.

Twitter è anche una piattaforma in cui si intrattengono gli iraniani, di solito le giovani teste calde in persiano vengono descritte come “Javgeer”, nel senso che si fanno trasportare da emozioni superficiali. Molti dei miei amici iraniani hanno descritto più volte quei giovani come tali, specialmente quando si parla di eventi in cui potrebbero esagerare.

Naturalmente, questo non significa che tutte le persone si lascino trasportare. Alcuni lo fanno senza rendersi conto che stanno facendo circolare notizie false. Secondo gli esperti, le falsità si sono diffuse a macchia d’olio sui social media, ottenendo una crescita più rapida e duratura della verità.

Come accennato in precedenza, senza dubbio altri diffondono disinformazione di proposito, cercando di requisire mentalità per ordine o orchestrazione di ONG e simili, come ha confessato la stessa Masih Alinejad in una delle sue interviste.

E quando si tratta della Repubblica islamica dell’Iran, la credibilità della fonte e degli attivisti online citati nei media finanziati dall’Occidente e dai sauditi non importa fintanto che le loro osservazioni compromettono l’immagine dell’Iran. Il crimine: scegliere di essere diversi.

L’Iran e i suoi funzionari hanno ripetutamente affermato che le proteste pacifiche sono benvenute e che i diritti fondamentali e legittimi delle persone saranno rispettati il ​​più possibile, ma hanno anche messo in guardia dal causare instabilità o danni al paese. Nessuno si opporrebbe se le persone protestassero pacificamente o esprimessero le loro opinioni in modo civile. In effetti, ci sono stati molti esempi in cui gli iraniani hanno espresso le loro forti proteste o obiezioni anche durante incontri con politici e, con sorpresa di molte persone in Occidente, non sono stati né messi dietro le sbarre né uccisi o maltrattati.

Il sito web Iran International, sostenuto dall’Arabia Saudita, è stato il primo a riferire di una storia – sostenendo di aver ottenuto le informazioni dall’Associazione sindacale degli insegnanti iraniani – secondo cui “giovedì, le forze iraniane in borghese hanno fatto irruzione in una scuola superiore femminile ad Ardabil, nel nord-ovest dell’Iran, ferendo 10 studentesse e arrestandone altre sette. Una studentessa è morta per emorragia interna”.

Pare che Masih Alinejad sia stata la prima persona a diffonderla su Twitter, dove in persiano ha scritto: “Le forze hanno continuato a colpire una studentessa fino a quando non ha subito un’emorragia interna ed è stata uccisa”, invocando grandi rivolte contro quello che ha affermato essere “un altro atroce crimine”.

Ben presto, proprio come un incendio, la notizia ha iniziato a diffondersi. Ad esempio, un utente di Twitter ha dichiarato: “Il sindacato degli insegnanti iraniani ha riferito che uomini in borghese dell’IRGC hanno fatto irruzione nella scuola superiore Shahed ad Ardabil e hanno ferito sette studentesse e ucciso un’adolescente innocente (a causa di emorragie interne)!”, invitando le persone a “essere la voce dei bambini innocenti” e taggando alcuni funzionari occidentali tra cui Emily Schrader, una scrittrice e attivista israeliana, Charlie Weimers, membro del Parlamento europeo e  vicepresidente del gruppo dei conservatori e riformisti europei e il presidente del parlamento norvegese, Masud Gharahkhani. Naturalmente, l’elenco potrebbe continuare.

Ora, questa è la parte interessante: un membro del team medico dell’ospedale, dove secondo le fonti la studentessa sarebbe morta, ha negato tali accuse.

“Come membro dello staff medico dell’ospedale Fatemi Ardabil, sono stata continuamente presente in questo ospedale da giovedì a venerdì e durante questo periodo, contrariamente alle dichiarazioni di Iran International, non ci sono stati casi di studenti uccisi o feriti”, ha detto sul suo account Twitter, aggiungendo che il notiziario finanziato dai sauditi sta cercando di causare sedizione all’interno dell’Iran.

Naturalmente, la sua testimonianza non è stata considerata così rapidamente come le notizie opposte. E non sarebbe una sorpresa vedere Iran International o altri affermare in seguito “oh, correzione! Non era giovedì ma mercoledì”, qualora emergessero altre testimonianze, o semplicemente passerebbero a creare o sfruttare un’altra storia come quella di Mahsa Amini o Nika Shaarami o altre.

Naturalmente, le notizie hanno iniziato a svilupparsi gradualmente. Una studentessa è diventata 10 studentesse e non ci sarebbe da sorprendersi se ci imbattessimo in account Twitter che affermano che la studentessa è stata anche violentata!

Ad esempio, un utente ha scritto: “Nel brutale attacco di uomini in borghese ​​all’Istituto Superiore Shahed di Ardabil, dieci studentesse sono state trasferite all’ospedale Fatemi, una studentessa è morta a causa di un’emorragia interna e sette studentesse sono state arrestate con la collaborazione del preside della scuola”.

Questo incendio di bugie è come un gioco di sussurri cinesi, con alcuni che sentono in modo errato e altri che aggiungono sale e pepe alle parole. Questa storia della studentessa di Ardabil è solo un esempio delle tremende bugie raccontate online sull’Iran, nel momento in cui il mondo chiude un occhio sugli effettivi crimini commessi in altre parti del mondo.

Di Hiba Morad

Hiba Morad è un’analista accademica e politica con sede a Teheran, attualmente sta conseguendo un dottorato di ricerca in linguistica presso l’Università di Teheran.


Segui il Fronte della Resistenza al Mondialismo!
Whatsapp: https://chat.whatsapp.com/Kxgfbt8U0klEmkt6NXr4Rg
Telegram: https://t.me/dallapartedeglioppressi
Facebook: https://www.facebook.com/frontedellaresistenza
Instagram: https://www.instagram.com/frontedellaresistenza.ir/
Sito: frontedellaresistenza.ir


Fonte: https://www.presstv.ir/Detail/2022/10/15/690980/The-non-ending-lies-on-Iran-A-student-in-Ardabil-died-but-she-is- non morto-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *