26 Settembre 2022
La Guida della Rivoluzione islamica, l’ayatollah Seyyed Ali Khamenei, pronuncia un discorso nella fausta occasione di Eid al-Mab’ath, a Teheran, il 1° marzo 2022. (Foto di Khamenei.ir)

La Guida della Rivoluzione islamica, l’ayatollah Seyyed Ali Khamenei, ha incolpato il regime americano dell’attuale crisi ucraina e ha chiesto la fine della guerra in Ucraina, affermando che la Repubblica islamica dell’Iran si è sempre opposta alla guerra e alla distruzione in qualsiasi parte del mondo.

L’ayatollah Khamenei ha fatto le osservazioni durante un discorso televisivo pronunciato nella fausta occasione di Eid al-Mab’ath, che segna il giorno in cui il Profeta Muhammad (pace su di lui) fu scelto come ultimo messaggero di Dio e iniziò la sua missione profetica.

La Guida suprema ha affermato che l’Ucraina è restata vittima delle politiche statunitensi e delle crisi create da Washington.

“Gli Stati Uniti hanno sconvolto la stabilità del Paese interferendo nei suoi affari, organizzando manifestazioni e creando un colpo di stato colorato”, ha affermato. “Ci opponiamo all’uccisione di persone e alla distruzione delle infrastrutture delle nazioni”.

Giovedì scorso, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato una “operazione militare speciale” volta alla “smilitarizzazione” nell’Ucraina orientale delle repubbliche di Donetsk e Lugansk, note insieme come Donbass.

Le due regioni si sono staccate dall’Ucraina nel 2014, dopo essersi rifiutate di riconoscere un governo ucraino sostenuto dall’Occidente che aveva rovesciato un’amministrazione filorussa eletta democraticamente.

Annunciando l’operazione, Putin ha affermato che la missione mira a “difendere le persone che da otto anni subiscono persecuzioni e genocidio da parte del regime di Kiev”.

“Gli Stati Uniti si nutrono di crisi create da loro”

Altrove nelle sue osservazioni, la Guida suprema ha definito gli Stati Uniti un perfetto esempio e manifestazione dell’ignoranza moderna, dicendo che si nutrono delle crisi che creano in tutto il mondo.

“Il regime americano è un perfetto esempio di ignoranza moderna. Questo regime è un regime che produce e consuma crisi e si nutre creando crisi nel mondo”, ha affermato l’ayatollah Khamenei.

Come esempio, la Guida suprema ha sottolineato la formazione da parte statunitense del gruppo terroristico takfiri dell’ISIS, condannando Washington per aver saccheggiato le risorse petrolifere nella Siria orientale, rubato i beni dell’Afghanistan e sostenuto i crimini israeliani contro i palestinesi.

“L’America è un regime in cui viene promossa l’immoralità, la discriminazione sta aumentando in modo esponenziale e la ricchezza nazionale viene sfruttata dai ricchi e facoltosi”, ha affermato.

“Un Paese ricco come gli Stati Uniti si trova in una situazione in cui le persone muoiono per strada quando aumenta il caldo o il freddo. Cosa significano questi eventi?”, ha fatto notare l’ayatollah Khamenei.

“L’America è un regime mafioso”

La Guida suprema ha anche fortemente criticato gli Stati Uniti definendolo paese governato dalla mafia, dicendo che la mafia statunitense insedia individui o li rovescia negli altri paesi.

“L’America è fondamentalmente un regime mafioso: mafia politica, mafia economica, mafia delle armi e tutti i tipi di mafie che gestiscono e governano le politiche di quel paese e controllano il paese”, ha spiegato la Guida suprema.

“Se gli Stati Uniti non riescono a creare una crisi, le fabbriche di armi non saranno in grado di trarne il massimo”, ha affermato l’ayatollah Khamenei. “Devono creare crisi per massimizzare gli interessi di queste mafie”.

La Guida suprema ha poi sottolineato i doppi standard dell’Occidente nell’affrontare la crisi in Ucraina, affermando che i Paesi occidentali sostengono l’uccisione del popolo yemenita nella guerra saudita, ma chiedono la fine della crisi ucraina.

La Guida suprema: il sostegno occidentale è semplicemente “un miraggio”

Secondo l’ayatollah Khamenei, ci sono lezioni da trarre riguardo alla crisi ucraina, prima di tutto il fatto che “non ci si può fidare delle potenze occidentali” e il loro sostegno ai loro regimi fantoccio è solo “un miraggio”.

“Tutti i governi devono saperlo”, ha avvertito la Guida suprema.

Sia il presidente ucraino Volodymyr Zelensky che l’ex presidente afghano Ashraf Ghani hanno riconosciuto che gli Stati Uniti li hanno semplicemente abbandonati nel mezzo delle loro crisi interne, ha affermato.

La seconda lezione, ha proseguito, è che sono le persone i più importanti sostenitori dei governi.

“Se il popolo ucraino fosse stato coinvolto, il governo ucraino non si troverebbe in questa situazione. La gente non era stata resa partecipe perché non approvava il governo”, ha detto.

La Guida suprema ha aggiunto che la situazione in Ucraina ricorda la situazione in Iraq quando gli Stati Uniti invasero il paese arabo e il popolo iracheno non difese la propria patria, cosicché gli Stati Uniti presero il controllo.

“Ma nello stesso Iraq, quando l’ISIS ha attaccato, il popolo si è interessato ed è stato in grado di respingere e schiacciare l’ISIS, che costituiva un enorme pericolo”, ha affermato.

“Il fattore principale dell’indipendenza dei Paesi è il popolo, e lo abbiamo sperimentato nella Sacra Difesa (la guerra imposta dall’Iraq all’Iran), durante la quale tutte le potenze mondiali sostennero Saddam, ma la Repubblica islamica dell’Iran fu in grado di vincere e sconfiggere il nemico con l’aiuto del popolo”, ha detto l’ayatollah Khamenei.

“Tutti dovrebbero aprire gli occhi e le orecchie e pensare e agire correttamente ed essere in grado di trarre beneficio da queste grandi lezioni. Abbiamo a cuore la memoria del grande Imam che ci ha insegnato queste lezioni”, ha aggiunto la Guida suprema, riferendosi al fondatore della Rivoluzione islamica, l’ayatollah Ruhollah Khomeini.

Fonte: https://www.presstv.ir/Detail/2022/03/01/677759/Leader-Western-civilization-suffering-modern-ignorance

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.