26 Settembre 2022
Il dialogo tra i paesi della regione è la migliore soluzione.
Il leader della Rivoluzione islamica, l’ayatollah Seyyed Ali Khamenei, incontra Tamim bin Hamad Al Thani, l’emiro del Qatar in visita a Teheran il 12 maggio 2022. (Foto di leader.ir)

Il leader della Rivoluzione islamica, l’ayatollah Seyyed Ali Khamenei, afferma che il dialogo tra i paesi della regione è la migliore soluzione ai problemi esistenti nella regione, mettendo in guardia dalle ingerenze straniere.

L’ayatollah Khamenei ha espresso le sue osservazioni in un incontro tenutosi giovedì con Tamim bin Hamad Al Thani, l’emiro del Qatar in visita a Teheran, durante il quale il leader ha chiesto una maggiore cooperazione politica ed economica tra i due paesi.

Durante l’incontro, il leader ha sottolineato che i problemi regionali possono essere risolti attraverso il dialogo tra i paesi della regione senza alcuna ingerenza di “fattori estranei”.

“Le questioni dello Yemen e della Siria possono essere risolte anche attraverso il dialogo. Naturalmente, il dialogo non dovrebbe essere intrapreso da una posizione debole in un momento in cui le parti opposte, principalmente gli Stati Uniti e altri, fanno affidamento sul potere militare e finanziario”, ha affermato il leader.

L’ayatollah Khamenei ha sottolineato che la gestione della regione non ha bisogno di alcuna ingerenza da parti straniere, aggiungendo: “Ovunque vadano i sionisti, fomentano la corruzione e non possono dare potere o concessioni ai paesi [della regione]”.

“Pertanto, noi, come Paesi della regione, dobbiamo rafforzare le nostre relazioni il più possibile attraverso riflessioni e cooperazione condivise”, ha affermato l’ayatollah Khamenei.

Confermando le osservazioni dell’emiro del Qatar in cui condannava i crimini commessi dal regime sionista, il leader ha descritto l’oppressione pluridecennale del popolo palestinese da parte dei “malvagi sionisti” come un’amara realtà e un duro colpo per il mondo islamico e il mondo arabo.

“Di fronte a questi crimini, la Repubblica islamica dell’Iran si aspetta che il mondo arabo intraprenda azioni politiche esplicite”, ha osservato l’ayatollah Khamenei.

Riferendosi agli attacchi delle forze israeliane all’irrequieto quartiere di Sheikh Jarrah nella città palestinese occupata di Gerusalemme, l’ayatollah Khamenei ha affermato: “Il sostegno offerto da alcuni paesi arabi al popolo palestinese in quel caso non era nemmeno all’altezza [del supporto] di alcuni [paesi] europei, non hanno preso alcuna posizione [decisiva]. Tuttora si comportano ancora così”.

“Se questo approccio adottato dai paesi arabi è dovuto alla paura del regime sionista o alla speranza in esso, devono sapere che oggi il regime occupante si trova in condizioni in cui nessuno può nutrire speranza in esso o averne paura”, ha affermato il leader.

L’emiro del Qatar, dal canto suo, ha affermato che i crimini commessi dal regime sionista in Palestina sono orribili e devono essere affrontati da tutti i paesi della regione.

Esprimendo rammarico per l’uccisione da parte israeliana di una giornalista palestinese nella giornata di mercoledì, ha detto: “I sionisti hanno commesso questo crimine a sangue freddo”.


Segui il Fronte della Resistenza al Mondialismo!
Whatsapp: https://chat.whatsapp.com/Kxgfbt8U0klEmkt6NXr4Rg
Telegram: https://t.me/dallapartedeglioppressi
Facebook: https://www.facebook.com/frontedellaresistenza
Instagram: https://www.instagram.com/frontedellaresistenza.ir/
Sito: frontedellaresistenza.ir


Fonte: https://www.presstv.ir/Detail/2022/05/12/681971/Iran-Leader-Seyyed-Ali-Khamenei-dialogue-existing-problems-region


[ il dialogo tra i paesi della regione è la migliore soluzione ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.