26 Settembre 2022

Il segretario generale di Hezbollah, Sua Eminenza Sayyed Hassan Nasrallah, ha affermato: “La guerra di luglio [2006] è stata la guerra più difficile che abbiamo vissuto tra il tradimento internazionale e le divisioni interne, ma siamo ricorsi a Dio ed Egli ci ha inviato la Sua vittoria perché ha visto la sincerità della nostra intenzione”.

“L’assedio economico è guerra e la pazienza è jihad. Questo confronto viene chiamato confronto jihadista e il nemico sta conducendo una guerra diversa. Dobbiamo affrontarlo in vari modi”, ha detto Sayyed Nasrallah in un discorso pronunciato nel sobborgo meridionale di Beirut, la quinta notte delle commemorazioni dell’Ashura.

Il leader della Resistenza ha promesso che il “progetto” americano e “israeliano” sarà fronteggiato a tutti i livelli: militare, di sicurezza, culturale e sociale.

Egli ha aggiunto che la rappresentazione più evidente di Satana nella nostra epoca sono gli Stati Uniti e “Israele” e che questa battaglia è aperta. Sayyed Nasrallah ha spiegato che attualmente ci sono due fronti aperti: il fronte economico e dei mezzi di sussistenza e il fronte politico e mediatico.

Egli ha sottolineato che è in corso una guerra economica, politica e mediatica attraverso la quale il nemico vuole sottomettere qualsiasi resistente in Libano e fargli abbandonare questa opzione, affermando che la resistenza è causa della sua fame e che dovrebbe semplicemente rimanere neutrale.

“Per 40 anni abbiamo seguito l’esempio dell’Imam Hussein [pace su di lui] e di suo nonno, il Messaggero di Dio [psdl]. Noi li seguiamo, ed è così che il nostro movimento è stato un movimento fedele al jihad“, ha detto Sayyed Nasrallah.

“Eravamo un movimento fedele al jihad nella sua accezione più ampia e il nostro jihad non implicava solo la lotta militare, sebbene questa fosse la più severa. In effetti, il nostro jihad era ampio nelle posizioni che abbiamo adottato nel 1982 e nella richiesta di una resistenza completa in tutte le sue forme”.

“È stato anche il jihad di chiarimento che ha spiegato ai fratelli e alle sorelle e al popolo libanese i pericoli dell’occupazione, del tacere di fronte all’occupazione, della minaccia che rappresenta a tutti i livelli e di come mette in pericolo la nostra ricchezza”, ha aggiunto Sayyed Nasrallah.

“Esso ha anche spiegato le prospettive di confronto e di vittoria, soprattutto quando si è trattato di praticare il jihad della fermezza nonostante tutto ciò che il nemico e i suoi agenti impiegavano. Ciò ha aperto la strada al jihad armato che ha portato a un gran numero di martiri, prigionieri e feriti. Per 40 anni, questa resistenza è stata impegnata in un confronto continuo con l’occupazione”.

Sayyed Nasrallah ha sottolineato la necessità di fermezza in questa lotta e che questo è jihad per la causa di Dio, perché il nemico scommette sulla resa e il collasso.

Egli ha inoltre aggiunto che la voce del popolo si è sentita alle elezioni e il nemico è stato frustrato dai risultati, soprattutto perché arrivati ​​​​dopo tre anni di fame.

“Tra pochi giorni celebreremo il primo anniversario della falsa promessa dell’ambasciatore americano di portare gas dall’Egitto ed elettricità dalla Giordania attraverso la Siria”, ha detto Sayyed Nasrallah.

“È passato un anno e non è successo niente. Alla fine, i megafoni dei media incitano contro la resistenza e la ritengono responsabile. Chi intrattiene ottimi rapporti con gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita, perché non si è mosso per portare diesel, benzina o farina al popolo libanese? L’America non è forse la vostra alleata? Avete il coraggio di chiederle di fare un’eccezione affinché il Libano possa godere delle ore di elettricità?”, ha chiesto il capo di Hezbollah.

“Continueremo con la metodologia di trovare soluzioni per guidare la nostra patria e il nostro popolo verso la sicurezza, e dopo il ritorno dell’inviato statunitense [in Libano], la posizione dello Stato e la resistenza sono state coerenti perché il tempo sta finendo”.

Sayyed Nasrallah ha anche toccato la questione del carburante: “Stiamo soffrendo per il nostro popolo. Ecco perché ci siamo fatti avanti con la precedente offerta dell’Iran di venderci derivati ​​del petrolio in sterline libanesi e l’abbiamo presentata ai funzionari in Libano. Tuttavia, il veto americano lo ha impedito, mentre altri non hanno fatto una sola offerta da parte dei loro amici”. 

“Godiamo di una posizione di tutto rispetto nella Repubblica islamica, che è stata al nostro fianco dopo la guerra del luglio 2006 attraverso la ricostruzione e gli aiuti, in un momento in cui alcuni avevano scommesso sul nostro fallimento poiché non ci giungevano aiuti, scommettevano che saremmo morti di fame e che non saremmo risorti dalle macerie”, ha sottolineato Sua Eminenza.

Riguardo all’ultima visita dell’inviato statunitense Amos Hochstein in Libano, Sayyed Nasrallah ha messo in guardia dal temporeggiare, indicando un certo margine di ottimismo sulla demarcazione dei confini marittimi.

Sayyed Nasrallah ha detto che due sono gli approcci in Libano: il primo è negativo, attraverso istigazione, assedio e sanzioni che mirano a forzare la resa; il secondo cerca di fornire soluzioni e assistenza ai cittadini. Egli ha detto che la resistenza sposa quest’ultimo.

“Abbiamo proposto di parlare con l’Iran per l’estrazione di combustibile e stiamo aspettando la risposta ufficiale libanese per sottoporre la questione agli iraniani. Ma alcuni hanno rifiutato la questione perché viene dall’Iran e perché sanno che abbiamo la possibilità di farlo, poiché Sua Eminenza il giurisperito [Imam Khamenei] ci considera padroni, mentre loro [gli altri] sono schiavi degli americani e dei sauditi”, ha concluso Sayyed Nasrallah.


Segui il Fronte della Resistenza al Mondialismo!
Whatsapp: https://chat.whatsapp.com/Kxgfbt8U0klEmkt6NXr4Rg
Telegram: https://t.me/dallapartedeglioppressi
Facebook: https://www.facebook.com/frontedellaresistenza
Instagram: https://www.instagram.com/frontedellaresistenza.ir/
Sito: frontedellaresistenza.ir


Fonte: https://english.alahednews.com.lb/66613/385


[ La guerra di luglio è stata la guerra più difficile ]

[ La guerra di luglio è stata la guerra più difficile ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.