26 Settembre 2022

Questo è un disastro; questo è un disastro politico a livello di consapevolezza e discernimento, e permettetemi di dire anche di umanità, di principi morali e di diagnosi. L’errore qui è quando li consideri amici e ti rivolgi a loro, mentre in realtà sono il peggior nemico. Sono loro il vero nemico.  Sono a capo dell’inimicizia, dell’odio, del rancore, della cospirazione, dell’ingiustizia, della tirannia e dell’occupazione. Questo, quando si tratta di Palestina e Libano.

Veniamo alla Siria. Continuiamo il nostro viaggio in Siria. Dieci anni di guerra, centinaia di migliaia di vittime di questa guerra in Siria: martiri, feriti, vittime, distruzione massiccia. Chi c’è dietro questa guerra?

Voi direte l’ISIS, il Fronte al-Nusra, un certo Stato arabo, un certo Stato del Golfo, un certo Stato asiatico. Io vi dico che sono tutti strumenti. Erano strumenti per la guerra in Siria. Questo secondo i funzionari arabi che lo hanno ammesso in televisione. Hamad bin Jassim era l’allora primo ministro del Qatar.  Ha detto in televisione che colui che stava conducendo la guerra, ricevendo denaro, distribuendo fondi e distribuendo ruoli nella guerra siriana era l’ambasciatore americano in Siria che risiedeva in Turchia.

L’America è responsabile della guerra che ha avuto luogo in Siria. Non dovrebbe essere dimenticato – dai siriani e da noi – che chi ha ucciso i siriani, distrutto la Siria e l’ha portata nella guerra cosmica è l’amministrazione americana e le successive amministrazioni americane. L’America è stata sconfitta in Siria come è stata sconfitta in Iraq. La tragedia e l’aggressione americana contro la Siria continuano in nuove e diverse forme. Le cose più difficili che la Siria sta affrontando oggi sono la situazione economica e le condizioni di vita.

Le ragioni più importanti della situazione economica e delle condizioni di vita sono l’embargo, le sanzioni e il Caesar Act statunitense. Nessuno al mondo può venire e investire in Siria, fare affari in Siria o ricostruire in Siria. La Siria è lasciata ad affrontare una lenta morte e una sofferenza quotidiana in ogni casa e in ogni famiglia. Chi sta commettendo questo crimine quotidiano contro il popolo siriano? Gli Stati Uniti d’America hanno ucciso Soleimani e Abu Mahdi. Questo non andrebbe dimenticato. Le forze americane occupano oggi una parte importante del territorio siriano nella parte orientale dell’Eufrate, compresi i pozzi di petrolio e gas e le vaste pianure che possono determinare una tremenda trasformazione nella situazione economica siriana. Le truppe americane controllano una base chiamata al-Tanf. Portano l’ISIS dal campo di al-Hol all’area di al-Tanf e stabiliscono un’area dal raggio di 50 km. Nessuno è autorizzato ad avvicinarsi. Gli aerei americani bombarderebbero chiunque si avvicinasse. L’hanno trasformata in una base per l’ISIS, per riportarlo nel Deserto siriano e alla periferia di Damasco. Questa è l’America.

Qui, l’assassino è l’America, e il martire è chiunque abbia combattuto in Siria e difeso la Siria, compresi la leadership siriana, l’esercito siriano e il popolo siriano. Tra di loro vi erano Qassem Soleimani e i suoi fratelli, nonché Abu Mahdi al-Muhandis e i suoi fratelli delle fazioni della resistenza irachena e altri. Qui bisogna sempre prendere posizione tra l’amico e il nemico, tra l’assassino e il martire. La stessa cosa dicasi dello Yemen.

Gli yemeniti dicono che si tratta di un’aggressione americano-saudita. Questa è una guerra americana condotta dall’Arabia Saudita: la guerra allo Yemen e al popolo dello Yemen. Questi massacri sono causati da sette anni di guerra. Il bombardamento non ha lasciato nulla. L’aggressione è tornata a colpire città e strutture civili per coprire l’impotenza militare sui fronti. Chi è responsabile? Innanzitutto l’America. L’Arabia Saudita è l’esecutore.  È uno strumento e agisce per l’operatore principale. Qualcuno davvero crede che i sauditi continuerebbero la guerra, se gli americani chiedessero loro di fermarla?  Quando gli americani hanno detto agli Stati del Golfo di fermare l’assedio al Qatar, il blocco contro il Qatar si è interrotto.

Durante gli anni della crisi del Golfo, dicevamo sempre che ciò era opera degli americani.  Hanno giocato con i Paesi del Golfo. Mungono questo paese, depredano quello e rubano a un altro. Quando il gioco finisce, gli dicono che il gioco è finito, si riconciliano, uniscono le forze, si scambiano baci come tra amici.  C’è una decisione di amarsi l’un l’altro di nuovo.  Viene presa la decisione di amarsi l’un l’altro. Quindi, il Consiglio di cooperazione del Golfo è tornato e si è incontrato. C’è di nuovo l’unità del Golfo.  Questo è tutto un gioco dell’America: fa guerre e saccheggia beni. Questo è il killer americano. L’assassino è ovunque, anche in Afghanistan.

Le forze statunitensi hanno commesso crimini orribili in Afghanistan durante la loro occupazione e ritiro dall’Afghanistan. Uomini e donne sono stati uccisi nei matrimoni – dicono sia stato per errore! Qualche giorno fa avete visto alcuni noti giornali americani che parlavano di decine di migliaia di afgani e iracheni uccisi per errore, e il Pentagono non prende provvedimenti perché questo non è un problema. Questo killer sta anche assediando 90 milioni di persone. 85 milioni di persone vivono sotto assedio e sotto sanzioni in Iran durante il Covid-19 [la pandemia] e alla luce delle difficoltà economiche. Questo è un killer.

In ogni caso, questo assassino americano era ovunque. Il martire era lì prima di essere martirizzato. Erano presenti Qassem Soleimani e coloro che rappresentano. Stava creando vittorie. Egli stava costruendo gli elementi di resistenza. Stava sconfiggendo l’assassino. Stava cambiando le equazioni. Alla fine, ha dato il proprio sangue e la propria anima, perché l’assassino si era reso conto che questo era uno degli elementi di forza più importanti per sconfiggerlo. Ho voluto fare riferimento a questa descrizione per arrivare al risultato.

Di conseguenza, l’assassinio è avvenuto due anni fa in giorni simili. Ha stabilito una nuova fase di consapevolezza, discernimento, battaglia con il nemico e parimenti conoscenza del nemico principale. Ha anche stabilito il conflitto su due livelli. Oggi, dall’inizio, parliamo di loro per vendicare questo sangue puro.

Il primo livello sono coloro che hanno ucciso, coloro che hanno dato l’ordine di uccidere e coloro che hanno eseguito l’omicidio.  Questi sono noti e riceveranno la loro punizione, a Dio piacendo, in questo mondo prima che nell’aldilà. Questa è la promessa dei rivoluzionari. Questa è la promessa del giusto, e questa è la promessa del libero. Questa non è la promessa solo degli iraniani e degli iracheni, questa è la promessa di ogni rivoluzionario e libero del mondo.

Il secondo livello, che è stato annunciato, è che il prezzo e la vendetta per questo sangue sono l’uscita delle forze americane dalla regione. Dopo due anni, e come ha menzionato Sua Eminenza l’Imam Khamenei nella sua descrizione della situazione nella regione, gli americani hanno lasciato l’Afghanistan umiliati e confusi. È uno scandalo le cui ripercussioni sono ancora presenti in America, e lo abbiamo visto tutti. Ha causato uno stato di enorme frustrazione tra tutti gli amici e alleati dell’America nella regione, i quali hanno iniziato a riconsiderare [le loro alleanze]. Non voglio fare nomi. Ma capi di Stato e ministri che hanno relazioni e alleanze con gli Stati Uniti dicono ai nostri amici, durante le riunioni interne, che l’America non è più un alleato affidabile per proteggerci. Dobbiamo sistemare le nostre relazioni nella regione.  Questo è il linguaggio prevalente dopo l’uscita americana dall’Afghanistan.

In Iraq, il martirio ha provocato una reazione nelle strade irachene: un milione di persone ha manifestato a Baghdad chiedendo l’uscita delle forze di occupazione. Il Parlamento iracheno ha preso una decisione chiedendo l’uscita delle forze di occupazione. Sapienti, leader, tutti hanno preso una posizione appropriata e la questione è stata seguita. Gli americani affermano di aver completato le missioni di combattimento delle loro forze in Iraq. Si presume, secondo l’affermazione americana, che le forze statunitensi abbiano lasciato l’Iraq e che coloro che rimangono o rimarranno in Iraq siano un gruppo o un certo numero di addestratori, consulenti e tecnici. Questa è anche responsabilità del popolo e dei leader iracheni, nonché del governo iracheno e dell’iracheno.

Tolleranza, cecità, ignoranza, distorsione o falsificazione mentre le forze statunitensi rimangono in Iraq stanno uccidendo ancora una volta Qassem Soleimani, Abu Mahdi al-Muhandis e gli altri martiri. La vera risposta all’appello e alla volontà del popolo iracheno, espressa dai milioni di manifestanti in quel momento, è di portare avanti questa faccenda fino alla fine, in modo che in Iraq non rimanga alcun occupante di quegli assassini che hanno partecipato all’uccisione.

Nella Siria orientale, nell’area ad est dell’Eufrate, gli americani sono presenti. Abbiamo assistito negli ultimi mesi all’inizio della resistenza popolare, e questo è corretto. La resistenza popolare nell’est dell’Eufrate nelle sue varie forme civili – bloccando strade, bruciando pneumatici e impedendo alle forze americane di avanzare – così come la resistenza armata da parte del popolo dell’est dell’Eufrate, è la scelta giusta che alla fine porterà al ritiro delle forze americane dalla Siria.

Quanto al saldo Yemen, dove si trovano gli Ansarullah e gli uomini di Dio, gli americani non avranno un punto d’appoggio in quella terra nobile e santa.  Oggi, questo si ottiene attraverso grandi sacrifici e sangue.  Il destino delle forze americane nella regione è di andarsene. Ci sono molte ragioni per questo, comprese quelle legate alla situazione interna americana.  Lo dico a coloro che scommettono su questo nemico.  Li invito a seguire la situazione interna americana.  Alcune persone stanno cercando di dipingerci l’America come un modello. Guardate il Covid-19 in America, guardate i poveri in America, guardate i quartieri invasi dai bisognosi in America, guardate il bilancio delle vittime da violenza armata! Sono venuto con i numeri, ma oggi non voglio parlare di questo. Ne parlerò più avanti, numeri da capogiro. Criminalità negli Stati Uniti d’America, omicidi, rapine, stupri: questa è la realtà interna.  C’è una cultura razzista che è tornata e si sta intensificando. Sarebbe questo il modello che ci state presentando? Sarebbe questo il modello luminoso?!

In ogni caso, oltre alla situazione interna degli USA, vi sono questioni legate alle priorità degli Stati Uniti d’America nel mondo rispetto a Cina e Russia. Altre ragioni sono la consapevolezza della gente nella nostra regione e il loro rifiuto, la risolutezza dell’Asse della Resistenza, la vittoria dei movimenti di resistenza, il non arrendersi, il non accettare le condizioni e le soluzioni americane e la fermezza nonostante il sangue, il dolore, la fame, la sete e la malattia siano il prezzo da pagare. Tuttavia, il finale sarà grandioso.

La lezione su cui voglio soffermarmi oggi nel distinguere tra l’assassino e il martire è che il sangue del grande martire e leader Qassem Soleimani, del grande martire Abu Mahdi al-Muhandis e del resto dei martiri, – essendo uomini di Dio, leader, leali e sinceri, produttori di vittorie e motivatori di rinascita, consapevolezza ed entusiasmo in questa nazione, questo sangue oppresso e in lotta – il loro sangue – grida oggi a tutte le menti, i cuori e le coscienze ovunque nel mondo arabo e islamico e dice a tutte le persone, all’élite, agli intellettuali, ai politici e alla gente comune: o uomini, il vostro vero nemico, il vero tiranno, il vero arrogante, il vero oppressore, il vero corrotto, il capo dell’aggressione, la base dell’occupazione e la fonte della corruzione e della tirannia nella nostra regione sono gli Stati Uniti d’America. È un nemico, quindi prendilo per quello che è.

Questo è il messaggio del sangue puro che è stato versato all’aeroporto di Baghdad in giorni simili a questi due anni fa. L’idea pericolosa e strategica è quando considerate il nemico un amico, quindi vi confidate con lui e in lui vi rifugiate. È come affidare a un lupo moglie e figli. Una persona sana di mente farebbe questo? Il messaggio per voi è: conoscete il vostro nemico; smascherate il vostro nemico; fate fronte al vostro nemico; non arrendetevi al vostro nemico; non andate da questo nemico! Combattetelo con tutte le forme di confronto e conflitto.

Fratelli e sorelle, questo sangue ci dice: finché l’America dominerà la nostra regione e la consideriamo un’amica, l’ingiustizia, la tirannia e l’occupazione continueranno. Ci saranno linee rosse che impediranno la liberazione del nostro Paese, delle nostre sacralità, delle nostre capacità, delle nostre risorse naturali e della ricchezza. Una parte di questa battaglia è la battaglia della consapevolezza e dei media: i media e i social media. Ne ho parlato all’inizio e ho detto che vi ritornerò alla fine.

Non sottovalutate questa battaglia, che trasforma il nobile combattente e difensore in un terrorista, un truffatore, un corrotto, un ladro e uno spacciatore. Non hanno problemi a farlo, anche se non hanno prove. Questo è contrario alla realtà.  Non hanno problemi a continuare a mentire e inventare bugie. Sono meschini, ridicoli e scandalosi e seguono la nota regola: mentire, mentire e mentire finché le persone non ti credono.

Nei siti dei media e sui social network, ad esempio, l’ambasciatore americano a Baghdad è fatto sembrare una colomba della pace, un sostenitore della pace, un protettore dell’unità e un fattore di stabilità in Iraq. Nel frattempo, Qassem Soleimani diventa un criminale e un assassino che deve essere esiliato e le sue foto bruciate. Naturalmente, ciò è limitato perché queste persone lavorano per l’Ambasciata. Questa non è la volontà del popolo iracheno. La volontà del popolo iracheno è stata espressa dopo il martirio, negli ultimi due anni e in questi ultimi giorni e notti.

Alla fine, sì, uno sforzo c’è. Ci sono eserciti elettronici. Non credete a quello che viene detto che c’è un’enorme interazione nelle reti sociali. Questa è una bugia. Potrebbero esserci tre o quattro persone che gestiscono eserciti elettronici e ti dicono che c’è una massiccia interazione sulle reti sociali, solo per farti dire “Oh!”.  È questa l’opinione di centinaia di migliaia o milioni? No. È necessario cercare le vere opinioni della gente e della nazione. Gran parte delle statistiche, dei sondaggi e dei numeri presentati al mondo sono bugie. Fanno parte della guerra psicologica. Fanno parte della disinformazione.  Fanno parte del piano per indebolire le volontà, sapendo che chi crede in Dio Onnipotente non si preoccupa di pochi o molti. Ma la maggior parte delle persone è colpita da questi problemi.

Questo fa parte della battaglia che dobbiamo combattere sui media, politicamente, sul campo, economicamente e militarmente. Questa è la vera battaglia che il nemico ha imposto e non noi.

Quando alcune persone oggi ci dicono che tu, Hezbollah, stai sabotando le relazioni arabe e internazionali del Libano – anche se possiamo includere questo argomento quando parliamo di affari locali, è tuttavia adatto al discorso di oggi – stai sabotando delle relazioni, le relazioni con chi?

Con l’America, di cui ho parlato a lungo. Se volete, possiamo spiegarlo ai libanesi. Non parlo di storia. I martiri, le famiglie dei martiri, i prigionieri liberati dalle carceri, i feriti e le case distrutte, le conseguenze dei crimini americano-“israeliani” sono ancora presenti davanti ai nostri occhi e agli occhi delle generazioni future.  Questo è il nemico con cui ci accusi di sabotare i rapporti!

Voglio parlare un po’ con i libanesi. Tutti i libanesi, o almeno la stragrande maggioranza di loro, concordano all’unanimità sul fatto che l’ISIS e i gruppi takfiri rappresentassero un grande pericolo per il Libano. Essi sanno anche quale sarebbe stato il destino del Libano se l’ISIS e i gruppi takfiri avessero preso il controllo della Siria. Alcuni direbbero: voi avete combattuto e, se dovessero venire qui, noi li combatteremo. Bene, è un bene che non siano venuti, quindi non dovrete sottoporvi a questo test. Ma c’è quasi unanimità sul fatto che sussiste un grande pericolo per l’esistenza del Libano, per l’identità del Libano, la sua dignità e sopravvivenza, il sangue, gli onori, le moschee, le chiese, le husseiniya, i giovani e gli anziani. Non è forse così?

Chi sosteneva l’ISIS e i gruppi takfiri in Siria – che se avessero avuto successo e trionfato, sarebbe accaduta una catastrofe storica al Libano? Solo America?  E l’Arabia Saudita?  Qualcuno ora dirà, Sayyed, stai rovinando il nostro rapporto con l’Arabia Saudita. No, sto solo descrivendo. I libanesi devono dichiarare i fatti e agire sulla base dei fatti. Mi direte: sì, è stato un socio nell’ucciderci, assediarci e massacrarci, ma dobbiamo trattare con lui. Questa è una discussione separata.  Ma non ditemi: è un fratello e un amico. È generoso e amorevole e voglio avere a che fare con lui. Guarda prima la vera descrizione.

Negli ultimi dieci anni in Siria, nelle radure dell’Arsal e nelle radure della Bekaa, la resistenza e l’esercito hanno combattuto questi gruppi. Chi li sosteneva – che se avessero trionfato, avrebbero commesso atrocità in Libano?  Questi Paesi sono ben noti, in particolare l’Arabia Saudita.  Non abbiamo attaccato l’Arabia Saudita. Erano soci nella grande cospirazione e nella guerra globale che stava distruggendo la regione.  Abbiamo avuto l’onore di fare fronte a questi assassini che hanno cospirato contro il nostro Paese, la nostra gente e il sangue e l’onore degli uomini e delle donne in Libano.  Non siamo noi che abbiamo rovinato le relazioni, chi ha iniziato l’attacco?  Chi ha iniziato la guerra?  Chi ha cospirato? Loro sono quelli che hanno complottato.

Nel recente discorso del re saudita Salman – anche se si dice che sia un discorso annuale, importante e centrale – si rivolge al popolo libanese e ai leader libanesi.  Chiede loro di resistere all’egemonia del terrorista Hezbollah. Se ci sono persone che hanno paura di aprire bocca in questo Paese, noi non abbiamo paura. Abbiamo dignità.

O re, il terrorista è colui che ha diffuso l’ideologia wahhabita dell’ISIS nel mondo, e quello sei tu.  Il terrorista è colui che ha mandato migliaia di sauditi a compiere operazioni suicide in Iraq e in Siria, e quello sei tu. Il terrorista è colui che sta conducendo una guerra da sette anni contro il popolo oppresso nello Yemen, uccidendo bambini e donne e distruggendo case, e quello sei tu.  Il terrorista è colui che sta al fianco degli Stati Uniti d’America in tutte le sue guerre e gli apre la sua terra e le sue basi militari affinché commetta crimini contro l’umanità, e quello sei tu.

Il terrorista è colui che finanzia tutti i gruppi che causano conflitti e guerre civili in Libano e nella regione, e quello sei tu. Quanto a Hezbollah, non è un terrorista. Hezbollah è una resistenza. Hezbollah è un difensore, patriota, umano e nobile. Hezbollah sta difendendo la sua patria, la sua nazione, la sua famiglia, la sua gente e i luoghi santi. Hezbollah è il compagno di Qassem Soleimani, che vince di fronte ai terroristi. Questo è Hezbollah.  Qui voglio anche attirare l’attenzione, perché so che domani ci saranno lamentele che sto distruggendo le relazioni con i sauditi.

Il terrorista, o libanese, e ascoltatemi un po’, è quello che detiene decine di migliaia o centinaia di migliaia, perché non c’è un numero esatto e non so esattamente quanti libanesi ci siano in Arabia Saudita o nel Golfo.  Alcuni dicono centinaia di migliaia e alcuni dicono decine di migliaia: il terrorista è colui che tiene centinaia di migliaia o decine di migliaia di libanesi, prendendoli come ostaggi per minacciare il Libano e lo stato del Libano ogni giorno. Se parli contro di noi, li espellerò e li priverò del loro denaro e delle loro proprietà. Se apri bocca, li getterò in prigione.  Questo è terrorismo o no?

Mostrami le prove che supportano questo comportamento siano esse nella religione, nelle leggi divine, nelle leggi internazionali, nelle leggi tribali e persino al tempo della prima jahiliyyah. Questo terrorista – non è una novità, consultate i giornali – l’Arabia Saudita lo praticava con il Libano negli anni Sessanta. Lo fa ogni giorno con il Libano. E se qualcuno pensa che, facendo pressioni su un ministro affinché si dimetta o rimanendo in silenzio, chiudendo un occhio e accettando insulti, questo cambierà la posizione e la decisione dell’Arabia Saudita, ebbene no, non cambierà nulla, perché il problema dell’Arabia Saudita è chiaro. Il suo problema sono coloro che hanno impedito al Libano di diventare un emirato saudita e uno sceiccato dopo il 2005. Il suo problema sono coloro che si oppongono all’Accordo del secolo, le cui tre parti erano Trump, Netanyahu e Mohammed bin Salman. Il suo problema sono coloro che hanno contribuito a sconfiggere il suo progetto in Siria e Iraq, [progetto] che, in caso di successo, avrebbe portato al massacro dei libanesi e distrutto le loro zone, moschee e chiese. Questo è un problema che esiste. Questo non si risolve con parole positive, lodi, silenzio o fantasie. Cerchiamo di essere realistici.

Ad ogni modo, nel secondo anniversario del martirio dei martiri, dei leader, dei capi della resistenza, dei leader dell’Asse e dei leader delle vittorie, Haj Qassem Soleimani e Haj Abu Mahdi al-Muhandis, noi [Hezbollah] confermiamo il nostro impegno a questa consapevolezza, linea e percorso.  Chiediamo al nostro popolo in Libano di non unirsi a questo o quell’asse, ma, per lo meno, di conoscere il nemico e prenderlo per quello che è. Non devono sbagliare nel determinare l’amico, per poi pugnalarlo alle spalle e complottare contro di lui. Questo è il messaggio di oggi. Questo sangue continuerà a scorrere in noi, nelle nostre vene, nei nostri figli e nei nostri nipoti fino alla completa liberazione della nostra terra, della Palestina e della nostra regione da ogni occupazione americana e “israeliana”, a Dio piacendo.

Pace, misericordia e le benedizioni di Dio siano su di voi.


Fine seconda e ultima parte

Leggi la prima parte


Fonte: https://english.alahednews.com.lb/64261/385

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.